Amsterdam sostituisce Londra come principale centro azionario Ue

Amsterdam sostituisce Londra come principale centro azionario Ue

K metro 0 – Amsterdam – Amsterdam prende il posto di Londra come il più grande centro di scambio di azioni d’Europa dopo che la Gran Bretagna ha lasciato il mercato unico dell’Unione europea secondo i dati pubblicati oggi da Reuters. Le borse della capitale olandese hanno scambiato 9,2 miliardi di euro al giorno a

Condividi:

K metro 0 – Amsterdam – Amsterdam prende il posto di Londra come il più grande centro di scambio di azioni d’Europa dopo che la Gran Bretagna ha lasciato il mercato unico dell’Unione europea secondo i dati pubblicati oggi da Reuters.

Le borse della capitale olandese hanno scambiato 9,2 miliardi di euro al giorno a gennaio, rispetto agli 8,6 miliardi di Londra, secondo la borsa Cboe, che opera in entrambe le città.

Ciò si confronta con una media di 17,5 miliardi di euro scambiati ogni giorno a Londra durante il 2020, quando Francoforte era seconda con 5,9 miliardi e Amsterdam sesta con 2,6 miliardi, ha riferito Cboe.

La città di Londra aveva da tempo avvertito le conseguenze dell’uscita dal mercato unico dell’UE senza adeguate disposizioni per gli scambi di servizi, in particolare la finanza, che rappresentavano oltre il 10% delle entrate fiscali del Regno Unito prima della Brexit.

I funzionari di borsa affermano che il passaggio da Londra ad Amsterdam sarà probabilmente permanente, poiché l’UE non ha mostrato alcun segno di invertire la sua posizione secondo cui le azioni denominate in euro devono essere scambiate nell’UE.

Il divario potrebbe tuttavia ridursi, poiché questo mese gli scambi di azioni svizzere sono ripresi in Gran Bretagna. I dati pubblicati oggi hanno mostrato come blocchi di scambi di swap su tassi di interesse denominati in euro si siano spostati da Londra, il più grande centro di scambio di swap del mondo, a piattaforme nell’UE e New York da gennaio.

Le piattaforme ad Amsterdam, e in misura molto minore a Parigi, hanno rappresentato un quarto del mercato degli swap sui tassi in euro a gennaio, rispetto al solo 10% dello scorso luglio, ha affermato IHS Markit.

Come per le azioni, il mercato degli swap è stato frammentato da Bruxelles che ha obbligato le imprese, con sede nell’UE, a negoziare swap su tassi di interesse e credit default swap su una piattaforma all’interno del blocco o in un paese non UE le cui piattaforme sono state approvate per l’utilizzo, come gli Stati Uniti.

Inoltre, la borsa ICE ha annunciato questa settimana che gli scambi di emissioni di carbonio dell’UE si sposteranno da Londra alla città olandese durante il secondo trimestre.

La Gran Bretagna non si è ancora accertata su questa situazione di parità perché Bruxelles dice di aver bisogno di informazioni sulle intenzioni della stessa di divergere dalle regole dell’UE.

“Non è qui che volevamo finire, francamente sul trading di derivati o sul trading di azioni”, ha affermato mercoledì a un webinar Katharine Braddick, direttore generale per i servizi finanziari del ministero delle finanze del Regno Unito.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: