Scozia: corte, gli elettori non potrebbero votare l’indipendenza senza l’ok di Londra

Scozia: corte, gli elettori non potrebbero votare l’indipendenza senza l’ok di Londra

K metro 0 – Edimburgo – La massima corte civile scozzese oggi ha inferto un duro colpo ai nazionalisti rifiutandosi di dichiarare che il parlamento scozzese aveva il diritto di indire un referendum sull’indipendenza senza il permesso di Londra. Nella prima scaramuccia di quella che probabilmente diventerà una grande battaglia legale, la Court of Session

Condividi:

K metro 0 – Edimburgo – La massima corte civile scozzese oggi ha inferto un duro colpo ai nazionalisti rifiutandosi di dichiarare che il parlamento scozzese aveva il diritto di indire un referendum sull’indipendenza senza il permesso di Londra.

Nella prima scaramuccia di quella che probabilmente diventerà una grande battaglia legale, la Court of Session di Edimburgo ha affermato che era prematuro e ipotetico sfidare il potere del primo ministro Boris Johnson di bloccare un nuovo voto di secessione, secondo quanto riferisce Reuters.

I sondaggi suggeriscono che gli elettori scozzesi questa volta voterebbero per l’indipendenza. Johnson potrebbe quindi aver bisogno che la Corte Suprema del Regno Unito confermi il suo veto su tale voto.

“Non vedo come si possa evitare di andare in tribunale”, ha affermato David Hope, ex vice presidente della Corte Suprema.

Un sondaggio del mese scorso ha indicato che la sentenza SNP avrebbe catturato 71 dei 129 seggi nel parlamento scozzese, la maggioranza più grande da quando è stata costituita l’assemblea. Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon, il leader del SNP, ha promesso di tenere un referendum all’inizio del nuovo parlamento.

Lo Scotland Act del 1998, che ha devoluto alcuni poteri a Edimburgo e ha creato l’assemblea scozzese, afferma che le questioni relative all’Unione dei due paesi possono essere decise solo dal parlamento britannico a Westminster.

Per prendere le distanze da ciò, il parlamento britannico deve accettare di concedere i poteri del governo scozzese utilizzando un ordine della sezione 30, come ha fatto quando ha approvato il referendum del 2014, in cui gli scozzesi hanno rifiutato l’indipendenza del 55% -45%.

“La pressione politica può benissimo prevalere, nel senso che alla fine Boris Johnson deve semplicemente cedere il passo per ragioni politiche”, ma senza un ordine della Sezione 30, non vedo come una misura che attacca direttamente il sindacato possa farla franca”, ha dichiarato Hope a Reuters.

L’SNP afferma che andrà avanti a prescindere e costringerà Johnson ad affrontare la questione in tribunale.

Tuttavia, la professoressa Aileen McHarg, un’esperta di diritto costituzionale britannico presso la Durham University, ha affermato che c’erano argomenti rispettabili per concludere che il parlamento scozzese aveva il diritto di approvare una legge sul referendum senza l’approvazione di Londra.

Di fronte a tali ostacoli legali, alcuni nazionalisti ritengono che l’SNP dovrebbe o portare avanti un referendum, con o senza una base giuridica, o cercare di fare le elezioni a maggio con un voto per procura sull’indipendenza della Scozia.

Hope e McHarg hanno entrambi affermato che un voto svoltosi senza autorità legale, simile a quello in Catalogna nel 2017, ha poche prospettive di successo. Senza legittimità internazionale, la Scozia avrebbe poche prospettive di rientrare nell’Unione europea, come vuole l’SNP.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: