USA: uccisi 2 agenti FBI, indagavano sugli abusi dei minori

USA: uccisi 2 agenti FBI, indagavano sugli abusi dei minori

K metro 0 – Florida – I due agenti dell’FBI, Alfin e Schwartzenberger, uccisi ieri mentre eseguivano un mandato di perquisizione nell’appartamento di un sospettato di pornografia infantile nel sud della Florida, hanno dedicato la loro carriera alla cattura di criminali che abusano sessualmente di giovani. L’agente dell’FBI Daniel Alfin ha guadagnato l’attenzione internazionale quando

Condividi:

K metro 0 – Florida – I due agenti dell’FBI, Alfin e Schwartzenberger, uccisi ieri mentre eseguivano un mandato di perquisizione nell’appartamento di un sospettato di pornografia infantile nel sud della Florida, hanno dedicato la loro carriera alla cattura di criminali che abusano sessualmente di giovani.

L’agente dell’FBI Daniel Alfin ha guadagnato l’attenzione internazionale quando ha guidato una squadra che ha chiuso un importante sito web di pornografia infantile. L’agente Laura Schwartzenberger ha lavorato in modo più anonimo, insegnando a bambini e adulti come evitare lo sfruttamento sessuale online.

“Siamo ancora sconvolti dalla notizia”, ha affermato Shelley Allwang, direttore della divisione Exploited Children al National Center for Missing & Exploited Children. “Mi sento fortunato ad aver lavorato con persone che hanno avuto un tale impegno e determinazione”.

Il sospettato è stato identificato ieri, si tratta del 55enne David Huber. Un funzionario delle forze dell’ordine che ha familiarità con la questione ha dichiarato, secondo quanto riferisce AP, che gli investigatori stanno esaminando se Huber potrebbe aver utilizzato una telecamera per monitorare l’attività degli agenti prima di aprire il fuoco sulle vittime, inoltre ritengono che più colpi siano stati sparati attraverso una porta. Il funzionario non ha potuto discutere pubblicamente dell’indagine in corso e ha parlato con l’Associated Press in anonimato.

Altri tre agenti sono rimasti feriti, con due di loro ricoverati in ospedale. Entrambi gli agenti ospedalizzati sono stati rilasciati mercoledì. Il terzo agente è stato curato sul posto. Huber apparentemente si è ucciso.

I documenti del tribunale della Florida mostrano Huber con solo violazioni del codice stradale. Non aveva alcuna accusa come molestatore sessuale. I registri mostrano che è stato titolare di società di consulenza informatica dal 2008 fino all’anno scorso.

Secondo l’FBI, 350 arresti sono stati effettuati negli Stati Uniti e 548 a livello internazionale, inclusi 25 produttori di pornografia infantile e 51 autori di abusi. L’operazione ha identificato o salvato 55 bambini americani vittime di abusi sessuali e 296 a livello internazionale.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: