Eurostat: economia Ue in calo, in ritardo rispetto a Stati Uniti e Cina

Eurostat: economia Ue in calo, in ritardo rispetto a Stati Uniti e Cina

K metro 0 – Bruxelles – L’economia europea è diminuita dello 0,7% negli ultimi tre mesi del 2020 poiché le imprese sono state colpite da nuove misure restrittive volte a contenere un peggioramento della pandemia. Il calo trimestrale della cifra ufficiale rilasciata oggi non è stato così netto come gli esperti avevano temuto. Ma ciò

Condividi:

K metro 0 – Bruxelles – L’economia europea è diminuita dello 0,7% negli ultimi tre mesi del 2020 poiché le imprese sono state colpite da nuove misure restrittive volte a contenere un peggioramento della pandemia.

Il calo trimestrale della cifra ufficiale rilasciata oggi non è stato così netto come gli esperti avevano temuto. Ma ciò non potrebbe cancellare una prospettiva più cupa per quest’anno: i 19 paesi che usano l’euro dovrebbero ritardare la Cina e gli Stati Uniti nel riprendersi dalla peggiore pandemia.

I dati trasmessi dell’agenzia di statistica Eurostat hanno sottolineato un anno alti e bassi di dati economici bizzarri, con un calo dell’11,7% nel secondo trimestre, il più forte dall’inizio delle statistiche nel 1995, seguito da un rimbalzo del 12,4% nel terzo trimestre a fine estate, secondo quanto riferisce AP.

L’economia tedesca, la più grande d’Europa, è cresciuta di uno scarso 0,1% nel quarto trimestre, mentre la Francia ha registrato un calo inferiore alle attese dell’1,3%. Nel complesso, gli economisti si aspettavano un calo nella zona euro di ben il 2,5%.

“Sebbene i dati sul PIL della zona euro fossero migliori di quanto ci aspettavamo solo una settimana fa, le prospettive a breve termine per l’economia europea rimangono offuscate da una difficile situazione sanitaria in diversi paesi e da un inizio deludente del lancio della vaccinazione”, ha affermato Nicola Nobile, capo economista dell’eurozona presso Oxford Economics.

Secondo i funzionari della Banca centrale europea, la zona euro dovrebbe raggiungere i livelli di produzione economica del 2019 solo nel 2022. Ciò contrasta con la Cina, che ha già riguadagnato il livello di produzione pre-pandemia, e con gli Stati Uniti, dove gli esperti di bilancio del Congresso prevedono un rimbalzo ai livelli del 2019 entro la metà di quest’anno. Il Fondo monetario internazionale il mese scorso ha tagliato le sue previsioni per la crescita dell’eurozona quest’anno al 4,2% dal 5,2%

Gita Gopinath, capo economista del FMI, ha affermato che ci sono molteplici fattori che spiegano perché l’Europa è in ritardo. I governi europei hanno limitato l’attività in modo più netto per salvare vite umane; diversi paesi europei come la Grecia, la Spagna e l’Italia sono fortemente dipendenti dal turismo, che è stato devastato dalla pandemia, e l’Europa ha un’ampia quota di piccole e medie imprese che hanno dovuto affrontare problemi più duri rispetto alle imprese più grandi.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: