Cina, OMS al lavoro, la denuncia dei parenti dei morti a Wuhan

Cina, OMS al lavoro, la denuncia dei parenti dei morti a Wuhan

K metro 0 – Pechino – Il team dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha terminato oggi, la sua quarantena a Wuhan è inizia il suo lavoro sul campo. La missione dell’OMS ha il compito di indagare sull’origine della pandemia iniziata nel 2019-2020. A due settimane dall’arrivo in Cina, il Team dell’OMS al compito di studiare le

Condividi:

K metro 0 – Pechino – Il team dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha terminato oggi, la sua quarantena a Wuhan è inizia il suo lavoro sul campo. La missione dell’OMS ha il compito di indagare sull’origine della pandemia iniziata nel 2019-2020.

A due settimane dall’arrivo in Cina, il Team dell’OMS al compito di studiare le origini della pandemia COVID-19, emersa verso la fine del 2019. Tuttavia, la missione ha subìto ritardi, preoccupazioni e vari contrasti tra Cina e Stati Uniti. Questi ultimi, hanno accusato Pechino, di nascondere l’entità dell’epidemia iniziale e hanno criticato i termini della visita, in base alla quale sono stati esperti cinesi a condurre la prima fase di ricerca . Ad oggi, l’OMS non ha fornito dettagli sull’itinerario della missione, anche se il leader del team Peter Ben Embarek ha dichiarato a novembre che il gruppo si sarebbe probabilmente recato al mercato all’ingrosso di pesce di Huanan, dove è stato rintracciato il primo gruppo di casi noto.

Embarek, il massimo esperto dell’OMS sulle malattie degli animali che si incrociano con altre specie, ha descritto da 10 a 13 ore di riunioni in quarantena.

Intanto, riferisce la Reuters, il capo della Commissione sanitaria nazionale cinese Ma Xiaowei ha discusso della cooperazione sul tracciamento dell’origine del coronavirus con il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom in una telefonata mercoledì.

Secondo una dichiarazione rilasciata oggi sul sito web della NHC, entrambi i dirigenti hanno anche scambiato opinioni sulla prevenzione e sulla valutazione della risposta alle malattie infettive.

Nel frattempo, i parenti dei defunti a causa del SARS-CoV-2 a Wuhan, in Cina, hanno voluto incontrare gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità, riferisce l’Associated Press.

“Spero che gli esperti dell’OMS non diventino uno strumento per diffondere bugie. (…) Scopriamo instancabilmente la verità. È stato un crimine e non vogliamo che l’OMS venga in Cina per coprire questi crimini “, ha detto Zheng Hai, il cui padre è morto a causa di COVID-19 lo scorso febbraio dopo essere stato infettato a Wuhan.

Secondo Hai, le autorità di Pechino hanno messo a tacere il pericolo del virus all’inizio dell’epidemia e nascosto i morti, e ora fanno pressione sui parenti del defunto: lui e altri attivisti sono stati ripetutamente interrogati e minacciati di licenziamento per aver comunicato con la stampa estera. Alla partenza degli esperti OMS per la Cina, gli attivisti sostengono che il governo ha rimosso le chat social in cui essi comunicano.

Sempre Hai, ha detto allo Stato cinese, a nome dei parenti delle vittime: “non cercare di fingere che non esistiamo, che non chiediamo un account allo stato, (…) hai distrutto tutte le nostre piattaforme, ma vogliamo comunque dire a tutti che non ci arrendiamo”, ha detto Hai.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: