Giappone: ritarda l’avvio della vaccinazione per problemi logistici

Giappone: ritarda l’avvio della vaccinazione per problemi logistici

K metro 0 – Tokyo – L’avvio della vaccinazione in Giappone è costretto ad affrontare diversi problemi sul piano logistico che potrebbero ritardare ulteriormente la lenta campagna, affermano esperti e funzionari, ritardando così anche i programmi di vaccinazioni in vista dell’inizio delle Olimpiadi. Il Giappone rischia di essere ostacolato sul campo dalla mancanza di contenitori

Condividi:

K metro 0 – Tokyo – L’avvio della vaccinazione in Giappone è costretto ad affrontare diversi problemi sul piano logistico che potrebbero ritardare ulteriormente la lenta campagna, affermano esperti e funzionari, ritardando così anche i programmi di vaccinazioni in vista dell’inizio delle Olimpiadi.

Il Giappone rischia di essere ostacolato sul campo dalla mancanza di contenitori e ghiaccio secco e dalle difficoltà nel reclutare personale medico, hanno dichiarato a Reuters più di una dozzina di persone coinvolte nella campagna di vaccinazione.

Il primo ministro Yoshihide Suga ha affermato che i vaccini sono fondamentali per organizzare con successo le Olimpiadi dopo il ritardo dello scorso anno. Le prime dosi per gli operatori sanitari sono previste alla fine di febbraio, a soli 145 giorni dall’inizio dei Giochi il 23 luglio.

Il paese dovrà effettuare circa 870.000 iniezioni al giorno per vaccinare metà della sua popolazione entro allora, con ogni persona che necessita di due iniezioni.

Inoltre, le aziende che trasportano medicinali riferiscono che potrebbero non esserci abbastanza contenitori specializzati per trasportare il vaccino Pfizer Inc, che deve essere conservato a meno 75 gradi Celsius. Almeno inizialmente, il vaccino Pfizer è l’unico ad essere utilizzato in Giappone, che ha acquistato abbastanza vaccini Pfizer per 72 milioni di persone, più della metà della sua popolazione. Il governo sta acquistando circa 20.000 refrigeratori speciali e sta acquistando enormi quantità di ghiaccio secco per il suo trasporto.

Una fonte del governo ha riferito a Reuters che i funzionari hanno iniziato a valutare se c’erano abbastanza contenitori o ghiaccio secco per imballarli già alla fine dell’anno scorso.

Nel frattempo, il personale medico, già esausto per la cura dei pazienti colpiti da una terza ondata, dovrà essere mobilitato per distribuire iniezioni del vaccino ancora non approvato.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: