Francia: nuovi controlli alle frontiere per frenare i contagi

Francia: nuovi controlli alle frontiere per frenare i contagi

K metro 0 – Parigi – Nuovi controlli alle frontiere sono entrati in vigore domenica in Francia come parte di un massiccio sforzo per contenere la diffusione del Covid-19 ed evitare un altro blocco a livello nazionale. Gli arrivi in Francia dai paesi dell’Unione Europea per via aerea o marittima devono essere in grado di

Condividi:

K metro 0 – Parigi – Nuovi controlli alle frontiere sono entrati in vigore domenica in Francia come parte di un massiccio sforzo per contenere la diffusione del Covid-19 ed evitare un altro blocco a livello nazionale.

Gli arrivi in Francia dai paesi dell’Unione Europea per via aerea o marittima devono essere in grado di produrre un risultato del test PCR negativo ottenuto nelle 72 ore precedenti. Questo requisito era già applicato agli arrivi extracomunitari da metà gennaio.

Secondo il ministro dei trasporti Jean-Baptiste Djebbari, circa 62.000 persone attualmente arrivano negli aeroporti francesi e nei porti marittimi da altri paesi dell’UE ogni settimana, come riferisce France24. Il principale aeroporto internazionale di Parigi, Roissy-Charles-de-Gaulle, ha allestito centri di test in un terminal dedicato ai voli intra-UE per consentire ai passeggeri in arrivo che non hanno ottenuto un test nel loro paese di origine di farne uno.

Sabato, un milione di persone in Francia avevano ricevuto almeno una dose del vaccino anti-Covid, ha detto il primo ministro Jean Castex , quattro settimane dopo l’inizio della campagna di vaccinazione, concentrandosi prima sulle persone di età superiore ai 75 anni nelle case di cura e sugli operatori sanitari sopra i 50 anni.

Il ministro dell’industria Agnes Pannier-Runacher ha detto di essere ragionevolmente fiduciosa che la Francia raggiungerà il suo obiettivo di vaccinare 15 milioni di persone entro la fine di giugno, aggiungendo che ad oggi sono state ricevute più di 1,9 milioni di dosi di vaccino.

Il ministro della Sanità Olivier Véran nel frattempo ha avvertito che se le misure attuali, compreso un coprifuoco giornaliero a livello nazionale a partire dalle 18:00, si dimostrassero insufficienti, non si può escludere un altro blocco.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: