Russia: tentativi per frenare le proteste pro Navalny

Russia: tentativi per frenare le proteste pro Navalny

K metro 0 – Mosca – Le autorità russe hanno adottato varie tentativi per frenare le proteste contro l’incarcerazione del leader dell’opposizione Alexei Navalny, pianificata dai suoi sostenitori per sabato in più di 60 città russe. I compagni di Navalny a Mosca e in altre regioni sono stati arrestati prima delle manifestazioni. Sostenitori dell’opposizione e

Condividi:

K metro 0 – Mosca – Le autorità russe hanno adottato varie tentativi per frenare le proteste contro l’incarcerazione del leader dell’opposizione Alexei Navalny, pianificata dai suoi sostenitori per sabato in più di 60 città russe.

I compagni di Navalny a Mosca e in altre regioni sono stati arrestati prima delle manifestazioni. Sostenitori dell’opposizione e giornalisti indipendenti sono stati avvicinati da agenti di polizia con avvertimenti ufficiali contro le proteste.

Università e college in diverse regioni russe hanno esortato gli studenti a non partecipare ai raduni, con alcuni che affermano che gli studenti potrebbero essere soggetti ad azioni disciplinari, inclusa l’espulsione.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha riferito oggi che è naturale che ci siano avvertimenti sulle possibili conseguenze legate alla non conformità con la legge poiché ci sono richieste di eventi non autorizzati e illegali, riporta AP.

Navalny è stato arrestato domenica quando è tornato in Russia dalla Germania, dove aveva trascorso quasi cinque mesi per riprendersi dall’avvelenamento da agenti nervini. Lunedì un giudice ha ordinato a Navalny di essere incarcerato per 30 giorni.

I sostenitori di Navalny hanno chiesto manifestazioni a livello nazionale sabato per fare pressione sul governo affinché rilasci il politico, ma sono stati loro stessi sotto pressione.

Giovedì sera, la polizia di Mosca ha arrestato tre principali collaboratori di Navalny. La sua portavoce Kira Yarmysh è stata condannata a trascorrere nove giorni in prigione, il suo stretto alleato Lyubov Sobol è stato rilasciato giovedì sera ed è soggetto a una multa e Georgy Alburov è ancora in detenzione in attesa del tribunale. Sono stati arrestati anche più di una dozzina di attivisti e alleati di Navalny in diverse regioni russe.

L’ufficio del procuratore generale e la polizia della Russia hanno lanciato un ammonimento pubblico contro la partecipazione o la richiesta di manifestazioni non autorizzate. I pubblici ministeri hanno anche chiesto a Roskomnadzor, il supervisore dei media e di Internet della Russia, di limitare l’accesso ai siti web contenenti chiamate alla protesta sabato. Oggi il più grande social network russo VKontakte ha bloccato tutte le pagine dedicate ai raduni.

Roskomnadzor ha anche annunciato che multerebbe le società di social media per aver incoraggiato i minori a partecipare alle proteste.

Il ministero dell’Istruzione russo ha rilasciato una dichiarazione in cui esorta i genitori a proteggere i propri figli dagli eventi di sabato, affermando che nessuno ha il diritto di trascinare i giovani in varie azioni politiche e provocazioni. Gli alleati di Navalny dicono ai sostenitori di non scoraggiarsi e di partecipare alle proteste.

Intanto, attori, musicisti, giornalisti, scrittori, atleti e famosi blogger, hanno rilasciato dichiarazioni a sostegno di Navalny e alcuni hanno promesso di partecipare alle manifestazioni.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: