Libano: la magistratura indagine capo della banca centrale

Libano: la magistratura indagine capo della banca centrale

K metro 0 – Beirut – La magistratura libanese ha ricevuto una richiesta di assistenza dalla Svizzera per un’indagine sui trasferimenti di denaro presumibilmente effettuati dal capo della banca centrale Riad Salameh, riferisce una fonte giudiziaria all’AFP. L’indagine sta esaminando 400 milioni di dollari presumibilmente trasferiti dal Libano, nonostante le rigide restrizioni, da Salameh, suo

Condividi:

K metro 0 – Beirut – La magistratura libanese ha ricevuto una richiesta di assistenza dalla Svizzera per un’indagine sui trasferimenti di denaro presumibilmente effettuati dal capo della banca centrale Riad Salameh, riferisce una fonte giudiziaria all’AFP.

L’indagine sta esaminando 400 milioni di dollari presumibilmente trasferiti dal Libano, nonostante le rigide restrizioni, da Salameh, suo fratello, il suo assistente e le istituzioni finanziarie collegate alla banca centrale, ha aggiuto la fonte.

L’ufficio di Salameh ha rilasciato una dichiarazione in cui nega le accuse, che sono state riportate per la prima volta dal quotidiano libanese Al-Akhbar.

“Tutti i reclami di presunti trasferimenti di denaro all’estero, sia fatti sotto il suo nome (di Salameh), sia con il nome di suo fratello o assistente, sono falsificazioni e notizie false”, ha dichiarato.

Al momento non c’è stato nessun commento da parte delle autorità svizzere.

Secondo la fonte giudiziaria, il giudice Ghassan Oueidat ha ricevuto la richiesta direttamente dall’ambasciata svizzera a Beirut. La richiesta non includeva documenti o prove a dimostrazione delle accuse, ma elencava le domande che la magistratura avrebbe dovuto porre a Salameh e ad altri collegati al caso, secondo quanto afferma la fonte.

“La lettera è stata inviata alla magistratura in un modo insolito, al di fuori dei normali canali diplomatici”, ha aggiunto la fonte giudiziaria. L’indagine è stata segnalata per la prima volta oggi da Al-Akhbar, un convinto critico del governatore di lunga data della banca centrale. Secondo il quotidiano, l’indagine fa parte di uno sforzo più ampio guidato da Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti per investigare su loschi affari dei funzionari libanesi, tra cui Salameh.

Questa indagine arriva proprio mentre il Libano è alle prese con la sua peggiore crisi economica dalla guerra civile del 1975-1990.

La sterlina libanese ha perso più dell’80% del suo valore rispetto al dollaro sul mercato nero e le banche hanno bloccato le transazioni in dollari per sostenere la diminuzione delle riserve di valuta estera.

Salameh e l’élite del paese sono state ampiamente accusate di aver nascosto i loro dollari in conti esteri per eludere i controlli sui capitali. Ciò ha suscitato richieste all’estero e in patria per tentare di restituire i depositi al Libano, che ha un disperato bisogno di valuta estera.

Il Libano nel 2020 ha dichiarato di aver presentato una richiesta a Ginevra per aiutare a rintracciare i fondi trasferiti su conti svizzeri, ma le autorità svizzere non hanno ottemperato alla richiesta, ha affermato la fonte giudiziaria.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: