Germania: ecco i nomi dei leader papabili dopo la Merkel

Germania: ecco i nomi dei leader papabili dopo la Merkel

K metro 0 – Berlino – L’Unione Democratica Cristiana della cancelliera Angela Merkel, alla ricerca di un nuovo leader, una decisione che contribuirà a plasmare la preferenza degli elettori tedeschi del suo successore. La Merkel, che ora ha 66 anni, ha guidato la Germania e l’Europa attraverso una serie di crisi da quando è entrata

Condividi:

K metro 0 – Berlino – L’Unione Democratica Cristiana della cancelliera Angela Merkel, alla ricerca di un nuovo leader, una decisione che contribuirà a plasmare la preferenza degli elettori tedeschi del suo successore.

La Merkel, che ora ha 66 anni, ha guidato la Germania e l’Europa attraverso una serie di crisi da quando è entrata in carica nel 2005. Ma più di due anni fa ha affermato che non cercherà un quinto mandato come cancelliera.

Ora il suo partito di centro-destra, sta cercando il suo secondo nuovo leader, che si candiderà alle elezioni tedesche del 26 settembre.

I delegati del partito più forte della Germania possono scegliere sabato tra tre candidati principali che differiscono nettamente almeno nello stile. Non c’è un chiaro preferito, secondo quanto riporta AP.

Tra i papabili, Friedrich Merz, 65 anni, segnerebbe una pausa dall’era Merkel. Merz ha dichiarato che vuole dare una “casa politica” ai conservatori disillusi, ma non si muoverà di un millimetro verso il partito di estrema destra Alternativa per la Germania.

Il secondo nome è quello di Laschet, 59 anni, figura più liberale, eletto governatore nel 2017 in una roccaforte tradizionalmente di centro-sinistra e ritenuto probabile che continui l’approccio centrista della Merkel. In un dibattito tra i candidati la scorsa settimana, ha affermato: “Quello che porto è l’esperienza del governo, la leadership di un grande stato, il bilanciamento di interessi diversi e – questo forse non fa male per un leader della CDU – l’aver vinto un’elezione”.

Il terzo contendente, Norbert Roettgen, ha perso le elezioni statali del 2012 nella Renania settentrionale-Vestfalia. La Merkel lo ha successivamente licenziato come ministro dell’ambiente tedesco. Roettgen, 55 anni, dice di aver imparato da quell’esperienza. Si è proclamato un candidato per il “centro moderno” che sostiene questioni come la lotta al cambiamento climatico.

Roettgen, ora presidente della commissione per gli affari esteri del parlamento, è stato a lungo considerato l’outsider, ma i sondaggi lo mostrano come favorito tra i sostenitori della CDU.

Il leader della CSU Markus Soeder è lui stesso considerato un potenziale candidato. Il governatore bavarese ha guadagnato punti durante la pandemia come un forte sostenitore di severe restrizioni per frenare il coronavirus e le sue valutazioni dei sondaggi superano quelle dei candidati della CDU. Alcuni considerano il ministro della Salute Jens Spahn un possibile contendente.

Chi corre dovrà affrontare il ministro delle finanze Olaf Scholz, il candidato dei socialdemocratici di centrosinistra in lotta, attualmente partner della coalizione minore della Merkel nonché candidato degli ambientalisti Verdi, che hanno in programma di fare la loro prima corsa alla cancelleria.

Il leader della CDU sarà scelto da 1.001 delegati. Se nessun candidato ottiene la maggioranza, ci sarà un ballottaggio. Secondo la legge tedesca, il risultato online deve essere confermato da una votazione postale, i cui risultati sono attesi il 22 gennaio. Il piano prevede che il solo candidato vincitore di sabato sarà in scheda elettorale.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: