Australia: possibili leggi per Google e Facebook sul pagamento di contenuti

Australia: possibili leggi per Google e Facebook sul pagamento di contenuti

K metro 0 – Canberra – Il regolatore della concorrenza australiano ha avvertito che ci saranno leggi ad hoc per rendere il paese il primo al mondo a costringere Google e Facebook a pagare per i contenuti delle notizie. Il governo australiano ha annunciato una legislazione il mese scorso dopo che un’indagine ha rivelato che

Condividi:

K metro 0 – Canberra – Il regolatore della concorrenza australiano ha avvertito che ci saranno leggi ad hoc per rendere il paese il primo al mondo a costringere Google e Facebook a pagare per i contenuti delle notizie.

Il governo australiano ha annunciato una legislazione il mese scorso dopo che un’indagine ha rivelato che i giganti della tecnologia detengono un potere di mercato eccessivo nel settore dei media, evidenziando così una situazione di potenziale minaccia per la democrazia. In base ad un codice, Google e Facebook saranno soggetti ad arbitrato sui prezzi obbligatori se non è possibile raggiungere un accordo commerciale sul pagamento per i media australiani.

“Questo codice di contrattazione è un viaggio, se vediamo potere di mercato altrove, possiamo aggiungerlo al codice”, ha affermato Rod Sims, presidente della Australian Competition and Consumer Commission (ACCC) in un’intervista per Reuters Next.

Le piattaforme digitali rischiano multe fino a 10 milioni di dollari australiani (7,7 milioni di dollari) se non rispettano tale decisione.

Alcune organizzazioni mediatiche australiane non sono soddisfatte dell’aspetto bidirezionale del codice e i critici hanno notato che Instagram e Youtube non fanno parte della legislazione.

Google, nel frattempo, ha dichiarato il codice inattuabile, citando in particolare l’obbligo di fornire agli editori un preavviso di due settimane su alcune modifiche agli algoritmi e alla pratica interna.

Sims ha affermato che il codice normativo è l’approccio migliore per garantire condizioni di parità, osservando che le leggi sulla concorrenza in tutto il mondo non sono riuscite a impedire a Facebook e Google di acquisire un significativo potere di mercato.

“Vediamo come va; non ha senso cercare di ottimizzare ora “, ha detto Sims in un’intervista il 21 dicembre che è stata trasmessa oggi.

La legge australiana, che ha un ampio sostegno politico e dovrebbe essere votata in Parlamento all’inizio di quest’anno, è stata formulata dopo un’indagine ACCC che ha rilevato che per ogni A $ 100 di spesa pubblicitaria online, $ 53 va a Google, $ 28 a Facebook e A $ 19 ad altre società di media.

L’ACCC si è concentrato sempre di più sul potere di mercato in rapida crescita di Google e Facebook. Al momento ci sono due indagini aperte sulla tecnologia pubblicitaria e sugli app store per dispositivi mobili, con rapporti previsti rispettivamente a gennaio e marzo.

Sims, che ha espresso preoccupazione per i prezzi eccessivi e l’auto-preferenza da parte degli app store, ha affermato che i rapporti mostreranno lo stato di avanzamento e ha aggiunto che il regolatore continuerà a concentrarsi sulle preoccupazioni relative ai dati nel 2021.

“Spero che non solo l’Australia, ma anche le aziende oltreoceano trarranno vantaggio da ciò che troviamo”, ha aggiunto Sims.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: