Acquappesa: fine precariato per lavoratori ex LSU e LPU

Acquappesa: fine precariato per lavoratori ex LSU e LPU

k metro 0 – Cosenza – Un inizio anno importante e promettente per il comune di Acquappesa, in provincia di Cosenza, che vede stabilizzati finalmente 17 lavoratori ex LSU e LPU. Una notizia che tutti attendevano e che ora vede finalmente prendere forma. Francesco Tripicchio, primo cittadino di Acquappesa, ha dichiarato in una nota: “

Condividi:

k metro 0 – Cosenza – Un inizio anno importante e promettente per il comune di Acquappesa, in provincia di Cosenza, che vede stabilizzati finalmente 17 lavoratori ex LSU e LPU.

Una notizia che tutti attendevano e che ora vede finalmente prendere forma. Francesco Tripicchio, primo cittadino di Acquappesa, ha dichiarato in una nota: “ Concludiamo il 2020 con una notizia, che in tanti aspettavano da anni: 17 lavoratori, che vivevano in un precariato divenuto ormai storico, sono stati finalmente stabilizzati. Molti di loro costituiscono elementi indispensabili per la macchina amministrativa. A decorrere dall’1 gennaio sono dipendenti comunali a tutti gli effetti. Con questo risultato assai significativo, ci avviamo verso il 2021, con l’auspicio che sia un anno davvero bello e ricco di gioia e serenità”.

Apprezzamenti anche dalle parole del vice sindaco De Caro, il quale aggiunge: “E’ stato raggiungo un obbiettivo storico e di fondamentale importanza. La stabilizzazione di 17 lavoratori, tra LSU e LPU, costituisce il giusto e meritato riconoscimento verso queste lavoratori, che, con abnegazione, hanno dimostrato attaccamento, e senso di responsabilità, verso la nostra comunità. Con la loro stabilizzazione, siamo convinti che la macchina comunale avrà una marcia in più”.

Condividi:
Patrizia Grandi
Patrizia Grandi
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: