fbpx

Finisce il Nefasto 2020 e la NATO già pensa al 2030

Finisce il Nefasto 2020 e la NATO già pensa al 2030

K metro 0 – Roma – Le crisi di questo millennio ha chiarito, oltre ogni scetticismo, che la NATO, per proiettarsi al 2030, necessiti di una nuova “architettura” di difesa per essere una Alleanza Atlantica che trasforma il suo piano di difesa europea in modo che essere in grado di affrontare contemporaneamente più minacce di

Condividi:

K metro 0 – Roma – Le crisi di questo millennio ha chiarito, oltre ogni scetticismo, che la NATO, per proiettarsi al 2030, necessiti di una nuova “architettura” di difesa per essere una Alleanza Atlantica che trasforma il suo piano di difesa europea in modo che essere in grado di affrontare contemporaneamente più minacce di alto livello nel complesso panorama di pericoli che si possono presentare, soprattutto dopo la “lezione appresa del virus pandemico proveniente dalla Cina”.

Per trovare l’equilibrio tra strategia, convenienza, capacità, rischi e costi condivisi sarà quindi probabilmente necessaria una nuova “forza europea”. Questa NATO European Future Force dovrebbe avere la capacita’ di agire come un “primo soccorritore europeo” in qualsiasi scenario di crisi, in particolare se gli americani sono impegnati come “attività principale per la loro sicurezza” in altre aree strategiche del mondo. Dovrebbe essere efficacemente capace sia di dissuadere l’aggressione dall’est della NATO sia di sostenere le nazioni alleate in “prima linea” nel sud della NATO, con l’Italia “primo paese” sul confine del Mediterraneo. Di conseguenza, quindi, questa super-coalizione di europei della NATO avrebbe bisogno di operare in modo efficacemente deterrente e avere capacità nelle dimensioni terrestre, marina, aerea, cyber, spaziale e intelligence. Per far questo bisogna tenere conto della Brexit perché probabilmente senza la Gran Bretagna impegnata nella difesa dell’Europa, qualsiasi forza del genere sarebbe difficilmente realizzabile e, conseguentemente in progetto della NATO 2030.

Tornando alla pandemia il nesso tra sicurezza e salute è stato, da più di un anno, chiaramente dimostrato dai danni provocati dal virus. Tuttavia, le sue implicazioni più ampie sulle relazioni transatlantiche devono ancora essere valutate al di là dei dibattiti sui media. Bisogna inizialmente e ovviamente definire un’azione e una reazione coordinate nei confronti delle incursioni diplomatiche di potenze concorrenti dell’Alleanza (la diplomazia delle mascherine di Pechino o le missioni mediche mirate di Mosca), ma non si deve dimenticare di trovare come rafforzare i meccanismi politici e operativi all’interno della NATO e, soprattutto, dei paesi europei. È chiaro che la reazione attuata dal mondo occidentale è stata sia soddisfacente, sia, purtroppo, è tutt’altro che perfetta. È oggi necessario per l’Alleanza ideare e attuare una vigorosa politica coordinata in termini di controllo dei bio-laboratori ad alta sicurezza nell’ambito del Convenzione sulle armi biologiche. Allo stesso tempo, approcci molto divergenti nella gestione della pandemia a livello nazionale sono stati giustificati con l’argomento della sovranità, ma sono inutili contro una malattia transcontinentale che ha un impatto soprattutto sul commercio globale e quindi su tutte le economie. Ad esempio l’odierna reazione, per ora scomposta e non coordinata, all’annunciata mutazione del virus osservata in Gran Bretagna.

Bisogna inoltre tenere presente che il neo eletto presidente americano pone le “Alleanze” al centro di qualsiasi iniziativa di politica estera in quanto le immagina come mezzo essenziale per proteggere l’ordine internazionale, salvaguardare la democrazia americana e promuovere la pace e la prosperità in tutto il mondo.

Biden ha sostenuto a lungo la NATO e altre organizzazioni multinazionali e ha persino guidato la politica in Afghanistan, Iraq e Ucraina quando era vice presidente. Che si tratti di affrontare il cambiamento climatico, la Cina o il Covid, le strategie di Biden incorporano i suoi “Alleati”. La NATO si trova in una posizione unica tra le molte alleanze bilaterali e multilaterali degli Stati Uniti per essere in prima linea in questa strategia. Tuttavia, per ribaltare la visione negativa della NATO di molti americani, sarà fondamentale la questione della condivisione degli oneri. Il presidente Trump ha insistito per avere una solidarietà transatlantica oltre il critico 2% del fabbisogno di spesa del PIL, per le questioni della difesa, per ogni singolo paese NATO. Un impegno, ricordiamolo, che fu inizialmente chiesto e negoziato dall’amministrazione Obama.  L’impegno divide gli alleati, soprattutto quando le risorse per combattere la pandemia proveniente dalla Cina stanno consumando una quota sempre maggiore dei bilanci nazionali. Per unire il paese e la comunità transatlantica, Biden vede la NATO come il veicolo adeguato per garantire la sicurezza collettiva rafforzando nello stesso tempo identità e interessi condivisi. In effetti, Biden sta cercando di placare i timori degli europei che forse sarebbero stati abbandonati da una ”America First”, affermando: “Potete contare su di noi per guidare … perché è il nodo preponderante nel nostro interesse personale e in quello di altri paesi “. La prossima e prima sfida per l’amministrazione Biden sarebbe quella di affrontare le sfide transnazionali più urgenti con una NATO rivitalizzata di un massimo di 30 membri pronti alla competizione tra le grandi potenze quali Russia e Cina.

Lavorare insieme con 30 Stati membri per allineare gli sforzi contro altre penetrazioni informatiche e campagne di disinformazione sarà fondamentale per garantire una robusta resilienza anche alle popolazioni civili. Ciò che Biden sa, è che Mosca teme una NATO forte. Una NATO unita consente agli Stati Uniti di proteggere i suoi amici più stretti (e di far sì che anche loro vengano in suo aiuto) e limita forse i costi per farlo. È nell’interesse degli Stati Uniti mantenere una NATO che possa garantire la sicurezza transatlantica con gli Stati Uniti come una nazione tra le tante, e non nel suo ruolo di poliziotto internazionale. Questo non solo produce una partecipazione più equa nel sostenere l’ordine liberale, ma nega anche a Mosca la capacità di imporre la possibile narrativa di un altro travagliato intervento americano.

Anche quando si parla di Cina, ancora una volta la politica di Biden s’indirizza verso le alleanze come strumento sia per progettare sia per rafforzare il potere americano. Biden traccia la sua strategia per contrastare l’ascesa della Cina come un compromesso tra la cooperazione dove possiamo – ad esempio, su questioni come il cambiamento climatico, la non proliferazione nucleare e la sicurezza sanitaria globale – mentre contrasta, come nel caso di Taiwan e Hong Kong, il mancato rispetto diritti umani e la proprietà intellettuale da parte di Pechino. Pertanto, qualunque cosa accada nelle prossime settimane, questo è un momento di mantenere la direzione seguita fino ad ora dal pericoloso mondo di cui l’Europa fa parte. Per il bene della NATO e della futura difesa dell’Europa, è tempo che alleati e partner ricordino esattamente che, coesi la NATO e gli Stati Uniti possono costruire un nuovo percorso di cooperazione e contrastare le attuali sfide alla sicurezza. La nuova strategia 2030 della NATO afferma che la NATO è il nostro passato, il nostro presente e il nostro futuro.

Per quanto ha tratto con l’Italia, vale sicuramente questo principio, perché Piero Fassino, attuale presidente della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei Deputati, nelle conclusioni della recente conferenza organizzata dalla NATO Defence College Foundation ha dichiarato che “per essere più uniti e meno vulnerabili bisogna agire con la NATO per affrontare le sfide del nuovo secolo”. (“To be more united to be less vulnerable. With NATO for the challenges of the new century”).

di Giuseppe Morabito

Membro del Direttorio della NATO Defence College Foundation

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
19°
Fair
SatSunMon
24/13°C
25/11°C
23/12°C

Newsletter


Condividi: