India: gli agricoltori sono entrati nella capitale

India: gli agricoltori sono entrati nella capitale

K metro 0 – New Delhi – Oggi migliaia di contadini indiani che protestano contro le nuove leggi sull’agricoltura hanno avuto il permesso di entrare nella capitale dopo essersi scontrati con la polizia che li aveva bloccati alla periferia della città. Gli agricoltori, temono che le nuove leggi ridurranno i loro guadagni dando così più

Condividi:

K metro 0 – New Delhi – Oggi migliaia di contadini indiani che protestano contro le nuove leggi sull’agricoltura hanno avuto il permesso di entrare nella capitale dopo essersi scontrati con la polizia che li aveva bloccati alla periferia della città.

Gli agricoltori, temono che le nuove leggi ridurranno i loro guadagni dando così più potere alle corporation. I manifestanti saranno scortati a Nuova Delhi, secondo quanto riporta la polizia in un comunicato.

Negli ultimi due mesi, i sindacati degli agricoltori che non volevano accettare le leggi, approvate a settembre, secondo quanto riferisce AP, si sono accampati sulle autostrade negli stati del Punjab e dell’Haryana.

Il governo ha affermato che le leggi mirano a riformare l’agricoltura dando agli stessi la libertà di commercializzare i loro prodotti e aumentando la produzione attraverso investimenti privati. I contadini hanno iniziato la marcia di protesta verso la capitale giovedì per fare pressione sul governo del primo ministro Narendra Modi affinché abolisse le leggi, ma sono stati fermati da un gran numero di personale di sicurezza in tenuta antisommossa al confine tra New Delhi e lo stato di Haryana.

Dirigendosi verso Nuova Delhi su trattori e automobili, i contadini sono stati nuovamente bloccati dalla polizia ai margini della capitale. Ciò ha portato a scontri tra gli agricoltori e la polizia, che ha usato gas lacrimogeni, idranti e manganelli per respingerli. Alcuni manifestanti hanno anche lanciato pietre contro la polizia e sventolato le bandiere dei sindacati degli agricoltori. Non ci sono state segnalazioni di feriti.

Il primo ministro del Punjab Amarinder Singh ha esortato il governo federale ad avviare colloqui con i leader degli agricoltori. Molti degli agricoltori che protestano provengono dal Punjab, uno dei più grandi stati agricoli dell’India.

I negoziati tra i leader dei sindacati degli agricoltori e il governo per disinnescare la situazione di stallo non hanno avuto successo. Gli agricoltori dicono che continueranno a protestare fino a quando il governo non annullerà le leggi.

E’ bene ricordare che gli agricoltori sono stati a lungo considerati il cuore e l’anima dell’India, dove l’agricoltura sostiene più della metà degli 1,3 miliardi di persone del paese. Una volta rappresentavano un terzo del prodotto interno lordo dell’India, ora producono solo il 15% dell’economia del paese di $ 2,9 trilioni.

Nel frattempo, il ministero della Sanità di Nuova Delhi ha confermato altri 43.082 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, aggiornando a 9.309.787 il totale dei contagiati in India. Tra questi, 135.715 hanno perso la vita, di cui 492 morti nelle ultime 24 ore. Sono invece 39.379 le persone che nell’ultime giornata sono state ricoverate in ospedale.

 

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: