fbpx

Repubblica Ceca: ritrovati resti di campo di concentramento nazista

Repubblica Ceca: ritrovati resti di campo di concentramento nazista

K metro 0 – Praga – Radio Prague International riferisce che le tracce dell’edificio principale di un campo di concentramento risalente alla seconda guerra mondiale, comprese tazze di latta, frammenti di piatti, pavimenti in mattoni e fondamenta, sono state scoperte in quella che oggi è la Repubblica Ceca settentrionale. Il sito è uno dei quattro

K metro 0 – Praga – Radio Prague International riferisce che le tracce dell’edificio principale di un campo di concentramento risalente alla seconda guerra mondiale, comprese tazze di latta, frammenti di piatti, pavimenti in mattoni e fondamenta, sono state scoperte in quella che oggi è la Repubblica Ceca settentrionale.

Il sito è uno dei quattro campi di internamento rom che erano stati costruiti nella città di Liberec.

I campi di concentramento per i Rom a Liberec sono stati a lungo ignorati dalla letteratura accademica, anche se costituiscono una parte significativa della storia della regione e dell’etnia Rom in Boemia. Le indagini sono state avviate menzionando l’esistenza di un tale campo in un opuscolo intitolato “Liberec ve stínu nacismu”. Secondo i documenti storici, si trovava vicino all’incrocio di tre strade a Liberec: Broumovská, Jablonecká e Kunratická. Tuttavia la posizione esatta non è stata determinata e il sito non era stato scavato prima.

I documenti storici indicano che almeno 130 rom furono trattenuti in questo campo dai nazisti tra il 1941 e il 1943, quando furono trasferiti in campi di sterminio più grandi come Ravensbrück, Buchenwald e Auschwitz. L’archeologo Petr Brestovanský del Museo della Boemia settentrionale ha detto che l’edificio è stato costruito con il lavoro forzato dei romanì. Il campo successivamente ha trattenuto prigionieri francesi che sono stati costretti a lavorare in una cava vicina, ha aggiunto lo stesso Brestovanský.

Gli archeologi hanno iniziato a scavare un terreno all’angolo di via Kunratická sei settimane fa, in previsione della costruzione di un nuovo edificio. Fu allora che scoprirono pavimenti in mattoni e muri di fondazione, alcuni fino a tre metri di profondità. Sono tutte in buone condizioni.

Sebbene una parte delle fondamenta fosse stata distrutta in precedenza durante la costruzione di una rete di condotte, questa scoperta rimane eccezionale.

A partire dalla seconda metà del XX secolo, il sito è stato utilizzato principalmente come discarica per rifiuti urbani. I rom detenuti nel campo erano stati costretti a partecipare alla costruzione di un vicino complesso residenziale.

Ivan Rous, storico del Museo della Boemia settentrionale a Liberec, ha aiutato a erigere sette croci bianche in un prato non lontano dal sito. Un monumento in memoria dei bambini rom che vivevano lì, per lo più neonati e bambini piccoli.

Condividi su:
Daniele Marrone
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: