Portogallo, Costa: “dovremo restare a casa nel pomeriggio e di notte”

Portogallo, Costa: “dovremo restare a casa nel pomeriggio e di notte”

K metro 0 – Lisbona – In un videomessaggio condiviso stamattina on-line, il presidente del Consiglio portoghese Antonio Costa presenta “tre ragioni fondamentali per l’ulteriore sforzo” di dover rimanere in casa in questo fine settimana, riconoscendo anche che avrà un forte impatto per tutti, in particolare per la ristorazione e il settore commerciale. Il videomessaggio

Condividi:

K metro 0 – Lisbona – In un videomessaggio condiviso stamattina on-line, il presidente del Consiglio portoghese Antonio Costa presenta “tre ragioni fondamentali per l’ulteriore sforzo” di dover rimanere in casa in questo fine settimana, riconoscendo anche che avrà un forte impatto per tutti, in particolare per la ristorazione e il settore commerciale.

Il videomessaggio di Costa al Paese arriva due giorni dopo che il governo si è assunto la responsabilità per le mancate comunicazioni su queste nuove restrizioni, applicate nei vari distretti in stato di emergenza, ovvero con più di 240 casi ogni 100mila abitanti negli ultimi 14 giorni.

In questo momento, e secondo l’elenco aggiornato dal governo venerdì, ci sono 191 distretti ad alto rischio, dove questo e il prossimo fine settimana tutti i ristoranti e quasi tutti i negozi possono operare solo dalle 8:00 alle 13:00.

“Questo fine settimana sarà molto diverso, dovremo restare a casa nel pomeriggio e di notte“. Inizia così il messaggio che il Presidente del Consiglio lascia ai portoghesi questa mattina, proprio all’inizio del primo di due fine settimana nei quali sarà attivo un coprifuoco dalle 13 per 191 distretti ad alto rischio di contagio da Covid-19.

Riconoscendo che “sarà molto difficile per tutti coloro che vorrebbero liberamente fare quello che vogliono” e “per molte attività economiche” come il commercio e la ristorazione, “che avranno grosse perdite”.

Costa definisce ” tre ragioni fondamentali “per chiedere al Portogallo questo” sforzo in più “, prima fra tutte la gravità della seconda ondata della pandemia.

La situazione della pandemia è davvero molto grave”, aggiunge il capo di governo, con il supporto di un grafico che mostra la forte curva al rialzo dei nuovi contagi nell’ultimo mese, rispetto ai primi mesi della pandemia.

“Nella prima ondata di questa pandemia, il numero massimo di casi che abbiamo avuto al giorno è stato di 1.516”, quando “solo ieri ne abbiamo avuti 6.653”, sottolinea Costa. I numeri dimostrano che “dobbiamo davvero fermare l’avanzata di questa pandemia ” e perciò il presidente invita i portoghesi a ricordare cosa “abbiamo dovuto fare per fermare la pandemia” nella prima ondata, per spiegare il “male minore” scelto dal governo.

Nella prima ondata “era necessario chiudere la maggior parte delle attività economiche, chiudere le scuole, restare chiusi in casa”, che “aveva un costo enorme: dal punto di vista della salute mentale, dal punto di vista affettivo, dal punto di vista della società, dal punto di vista economico “, con” migliaia di posti di lavoro distrutti e un’immensa perdita di reddito da parte delle famiglie “.

Per evitare il ripetersi della storia, “abbiamo optato per il male minore, che è concentrare questo sforzo su questi due fine settimana, per cercare di preservare la normalità durante la settimana, senza interrompere nuovamente l’anno scolastico e le attività economiche”.

Dobbiamo “dare tutto il sostegno” a chi è in prima linea conclude il premier Costa.

Condividi:
Daniele Marrone
Daniele Marrone
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: