L’Azerbaigian continua a smascherare le fake news

L’Azerbaigian continua a smascherare le fake news

K metro 0 – Baku – “L’Armenia e il regime fantoccio stanno diffondendo molte informazioni false e fuorvianti l’una in contraddizione con l’altra. Di conseguenza, non rimane che la necessità dell’intervento dell’Azerbaigian per smascherare tali false informazioni.” Lo ha affermato oggi in una ampia dichiarazione il Capo del dipartimento di politica estera dell’amministrazione presidenziale Hikmat Hajiyev.

Condividi:

K metro 0 – Baku – “L’Armenia e il regime fantoccio stanno diffondendo molte informazioni false e fuorvianti l’una in contraddizione con l’altra. Di conseguenza, non rimane che la necessità dell’intervento dell’Azerbaigian per smascherare tali false informazioni.” Lo ha affermato oggi in una ampia dichiarazione il Capo del dipartimento di politica estera dell’amministrazione presidenziale Hikmat Hajiyev.

La foto del Ministro della Difesa dell’Armenia con i militari armeni in divisa militare del Servizio di frontiera statale della Repubblica dell’Azerbaigian ha ribaltato la falsa campagna dell’Armenia riguardante i mercenari. Mentre il Ministero della Difesa dell’Armenia e altre agenzie hanno affermato che avrebbero fornito informazioni su un nuovo mercenario, il Ministero della Giustizia armeno ha ammesso che non c’era un terzo mercenario. Probabilmente, non sono riusciti a trovare una persona adatta per la teatrale messa in scena. Per creare entusiasmo in modo artificiale, l’Armenia prepara anche finte scene di battaglia con l’aiuto di blogger autoproclamati.

“Le informazioni diffuse dal regime fantoccio sull’uccisione di persone civili nei nostri territori liberati sono un’altra disinformazione. Una delle caratteristiche che distingue l’Azerbaigian dall’Armenia è che l’Azerbaigian non combatte contro le persone civili.

Il genocidio di Khojaly, come chiaro esempio di crimine contro l’umanità, ha dimostrato la vera natura della leadership politica e militare dell’Armenia. E’ stata commessa una pulizia etnica basata sulla discriminazione razziale contro il popolo azerbaigiano nei territori occupati dall’Armenia.

L’uccisione della popolazione civile a Tartar, Ganja, Barda e in altre città, inclusi minori, con attacchi missilistici, è una continuazione della politica armena del genocidio di Khojaly. L’unica differenza sono gli strumenti utilizzati. Uno degli obiettivi fissati nella dottrina delle forze armate dell’Armenia e nell’addestramento al combattimento è quello di prendere di mira la popolazione civile dell’Azerbaigian.

La più grande minaccia per i civili che vivono nella regione del Nagorno-Karabakh dell’Azerbaigian è l’Armenia e il regime della giunta criminale. Non si deve escludere la possibilità che commettano crimini contro le persone civili e poi incolpino l’Azerbaigian per questo.

Chiediamo alla popolazione civile armena che vive nei nostri territori occupati di essere vigili e di stare lontano dalle aree in cui si svolgono le operazioni militari.

Alle persone civili che vorranno entrare nel territorio controllato dall’Azerbaigian sarà garantita tutta l’assistenza e il supporto necessario sulla base dei principi umanitari internazionali,” ha concluso Hajiyev.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: