Giappone e Regno Unito firmato accordo di libero scambio post-Brexit

Giappone e Regno Unito firmato accordo di libero scambio post-Brexit

K metro 0 – Tokyo – Il Giappone e il Regno Unito hanno firmato oggi un accordo bilaterale di libero scambio post-Brexit, aprendo la strada alla sua attuazione prevista dal 1° gennaio 2021. The Japan Times riferisce che il ministro degli Esteri Toshimitsu Motegi e il Segretario britannico per il commercio internazionale Liz Truss hanno

Condividi:

K metro 0 – Tokyo – Il Giappone e il Regno Unito hanno firmato oggi un accordo bilaterale di libero scambio post-Brexit, aprendo la strada alla sua attuazione prevista dal 1° gennaio 2021.

The Japan Times riferisce che il ministro degli Esteri Toshimitsu Motegi e il Segretario britannico per il commercio internazionale Liz Truss hanno siglato questo accordo storico come promozione del libero scambio e il rafforzamento dei legami bilaterali, con Londra che lo vede come un passo per aderire al partenariato trans-pacifico che raggruppa 11 nazioni del Pacifico.

Truss in un annuncio stampa congiunto con Motegi ha affermato: “Fornisce alle imprese britanniche il via libera per l’Asia-Pacifico e apre la strada all’adesione alla Trans-Pacific Partnership, riferendosi al quadro che include Giappone, Australia e Messico e rappresenta circa il 13 per cento dell’economia globale”. Motegi ha dichiarato: “Anche il Giappone accoglie con favore l’interesse del Regno Unito ad aderire al TPP-11 e continuerà a fornire il supporto necessario”.

Il patto Giappone-Regno Unito, che replica in gran parte l’attuale accordo di libero scambio Giappone-UE, entrerà in vigore dopo le procedure di ratifica interne. I due paesi hanno negoziato l’accordo poiché il patto Giappone-UE non coprirà il Regno Unito dopo il completamento del periodo di transizione Brexit a dicembre.

Mentre le aziende giapponesi accolgono con favore l’accordo, quelle con sede nel Regno Unito e che operano nell’Europa continentale sono ancora diffidenti sul fatto che Londra raggiungerà un accordo di libero scambio con il blocco entro la fine del periodo di transizione. Senza un tale accordo, le attività europee delle aziende giapponesi potrebbero essere interrotte.

Inoltre, dato che molte aziende giapponesi hanno ampliato le loro attività nel Regno Unito come porta d’accesso all’Europa continentale, Motegi ha affermato: “È di fondamentale importanza che la catena di approvvigionamento tra il Regno Unito e l’Unione europea sia mantenuta anche dopo il ritiro del Regno Unito dal Unione”. “Il Giappone spera che venga raggiunto presto un accordo sui negoziati tra il Regno Unito e l’Unione europea sulla loro futura partnership”, ha aggiunto.

Il nuovo accordo rimuove gradualmente le tariffe sulle auto giapponesi, portandole a zero nel 2026, in linea con l’attuale accordo Giappone-UE, mentre Londra eliminerà immediatamente le tariffe sui vagoni ferroviari e sui ricambi auto. Le tariffe giapponesi sui prodotti agricoli britannici sono mantenute allo stesso livello dell’accordo con l’Unione europea.

Le norme sul commercio elettronico e sui servizi finanziari sono diventate più ambiziose del patto Giappone-UE, incluso il divieto per i governi di chiedere alle imprese di divulgare algoritmi utilizzati nella tecnologia di intelligenza artificiale e nei dati di crittografia.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: