Kirghizistan: i risultati delle presidenziali vengono resi nulli dopo violenti scontri

Kirghizistan: i risultati delle presidenziali vengono resi nulli dopo violenti scontri

K metro 0 – Biskek – La Commissione elettorale centrale ha affermato oggi in una dichiarazione di aver “invalidato i risultati delle elezioni” che ha visto i partiti vicini al presidente filo-russo Sooronbay Jeenbekov ottenere grandi vittorie anche dopo le accuse di aver acquistato voti in massa. L’annuncio è arrivato il giorno dopo che i

Condividi:

K metro 0 – Biskek – La Commissione elettorale centrale ha affermato oggi in una dichiarazione di aver “invalidato i risultati delle elezioni” che ha visto i partiti vicini al presidente filo-russo Sooronbay Jeenbekov ottenere grandi vittorie anche dopo le accuse di aver acquistato voti in massa.

L’annuncio è arrivato il giorno dopo che i sostenitori dell’opposizione hanno sequestrato la sede del governo a Bishkek e hanno liberato Almazbek Atambayev, ex presidente del paese, dalla prigione dove stava scontando una condanna a 11 anni per il suo ruolo nel rilascio illegale di un boss della mafia. Successivamente i filmati pubblicati sui social media lo hanno mostrato salutare i sostenitori dopo essere evaso.

La polizia ha utilizzato cannoni ad acqua, granate assordanti e gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti, a quanto pare senza risultati, poiché le foto pubblicate successivamente da Radio Free Europe hanno mostrato i manifestanti che passeggiavano per l’edificio senza ostacoli.

Sia Atambayev, che il suo successore Jeenbekov ed ex collaboratore, sono considerati alleati fedeli della Russia, la cui posizione strategica nel paese probabilmente rimarrà inalterata nonostante i disordini. Infatti il leader russo Vladimir Putin ha cercato di mediare un accordo di pace tra i due lo scorso anno, ma non ha potuto impedire l’arresto di Atambayev.

I due partiti che hanno vinto il sondaggio di domenica sono favorevoli all’attuale presidente e ostili al suo predecessore, ma entrambi sono stati accusati dai partiti rivali di coordinare una massiccia campagna di acquisto di voti. Così sono iniziati gli scontri di ieri, dopo che una manifestazione, inizialmente pacifica organizzata da partiti perdenti, è andata fuori controllo.

Le autorità sanitarie hanno detto che almeno 120 persone sono state ricoverate per le lesioni, ma non ci sono state segnalazioni di morti entro la fine di ieri.

l’opposizione ha chiesto le dimissioni di Jeenbekov e una ripetizione delle elezioni di domenica dopo una missione di monitoraggio internazionale organizzata dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa chiamata “accuse credibili” sull’acquisto dei voti.

I partiti di opposizione hanno preso, in precedenza, le distanze dal primo tentativo di assaltare il complesso governativo. “Il presidente ha promesso di supervisionare elezioni oneste. Non ha mantenuto la parola data”, ha detto ai manifestanti un candidato dell’opposizione, Ryskeldi Mombekov.

Elvira Surabaldiyeva, membro di Ata-Meken, ha detto all’AFP che il suo partito non ha avuto alcun ruolo nell’incidente, che ha incolpato dei “provocatori”, ma ha aggiunto che lei “starà con la gente fino alla fine”.

Testimoni oculari hanno riferito all’AFP che i proprietari dei negozi nelle vicinanze della protesta avevano iniziato a rimuovere le merci dai loro negozi in previsione di possibili saccheggi.

Il saccheggio è stato una caratteristica di due rivolte popolari che hanno rovesciato presidenti autoritari nel 2005 e nel 2010, ma l’ex paese sovietico ha goduto di una relativa stabilità nell’ultimo decennio.

L’insoddisfazione per la corruzione e il dominio della politica da parte di potenti clan è aumentata con le sfide economiche della ricaduta del coronavirus.

Condividi:
Daniele Marrone
Daniele Marrone
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: