Azerbaigian scontri lungo l’intera linea del fronte con l’Armenia, diversi morti

Azerbaigian scontri lungo l’intera linea del fronte con l’Armenia, diversi morti

K metro 0 – Baku – “Il 27 settembre alle 06:00 circa, le forze armate dell’Armenia, dopo aver eseguito provocazioni su larga scala, hanno sottoposto a bombardamenti intensivi le posizioni dell’esercito dell’Azerbaigian lungo l’intera linea del fronte e i nostri insediamenti situati nella zona del fronte con armi di grosso calibro, mortai e installazioni di artiglieria di

Condividi:

K metro 0 – Baku – “Il 27 settembre alle 06:00 circa, le forze armate dell’Armenia, dopo aver eseguito provocazioni su larga scala, hanno sottoposto a bombardamenti intensivi le posizioni dell’esercito dell’Azerbaigian lungo l’intera linea del fronte e i nostri insediamenti situati nella zona del fronte con armi di grosso calibro, mortai e installazioni di artiglieria di vario calibro”, riferisce il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian.

Intanto nella regione Nagorno-Karabakh, i combattimenti che sono iniziati all’alba vedono un grave bilancio. Secondo i media armeni sono stati abbattuti quattro elicotteri, 10 carri armati e tre droni azeri. L’Armenia ha dichiarato la legge marziale e ha mobilitato la sua popolazione maschile. Mosca chiede un “cessate il fuoco immediato”. Immediata anche la reazione dall’Europa: “Le notizie di ostilità nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh sono di seria preoccupazione. L’azione militare deve finire, con urgenza, per impedire un’ulteriore escalation. Un ritorno immediato ai negoziati, senza precondizioni, è l’unico modo di procedere”. Lo scrive in un tweet il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, dopo le notizie di scontri nella regione contesa da Armenia e Azerbaigian.

La Turchia ha esortato l’Armenia a cessare immediatamente quella che chiamava ostilità nei confronti dell’Azerbaigian che potrebbe “gettare la regione nel fuoco”, a seguito degli scontri tra le forze armene e azere nella regione separatista del Nagorno-Karabakh.

“A seguito dei bombardamenti intensivi da parte armena verso il villaggio di Gapanly del distretto di Terter, i villaggi di Chiragly e Orta Gervend del distretto di Aghdam, i villaggi di Alkhanli e Shukurbeyli del distretto di Fizuli e il villaggio di Jojug Marjanly del distretto di Jebrail, ci registrano uccisioni e ferimenti tra la popolazione civile. Gravi danni sono stati arrecati alle infrastrutture civili. Si stanno raccogliendo dettagli sulle vittime e sui feriti tra la popolazione civile e il personale militare”, riportano le fonti azeri.

“Le unità avanzate dell’esercito dell’Azerbaigian stanno adottando misure di ritorsione per bloccare questa provocazione del nemico e garantire la sicurezza della popolazione civile, che vive vicino alla linea di confronto delle truppe”, ha concluso il Ministero.

“Il bombardamento di civili, che vivono nelle zone e di edifici sulla prima linea, densamente popolata, da parte delle forze armate dell’Armenia è stato effettuato deliberatamente e intenzionalmente. Ci sono dati su vittime civili e militari. Gravi danni sono stati causati agli edifici e alle case dei civili. Le forze armate dell’Armenia continuano a fare fuoco intensamente contro le nostre posizioni e contro gli insediamenti nella zona del fronte”, ha evidenziato l’Assistente del Presidente dell’Azerbaigian, capo del dipartimento di politica estera dell’Amministrazione presidenziale Hikmet Hajiyev.

“Gli attacchi deliberati da parte dell’Armenia contro insediamenti e civili sono una grave violazione del diritto internazionale umanitario, comprese le Convenzioni di Ginevra del 1949. Gli attacchi ai civili sono una tattica inclusa nella prontezza al combattimento delle forze armate dell’Armenia, e l’esempio più ovvio di questo è il genocidio di Khojaly nel febbraio 1992 “.

“Secondo il diritto internazionale, gli attacchi delle forze armate dell’Armenia sulle posizioni dell’esercito dell’Azerbaigian, i bombardamenti di civili e edifici con armi di grosso calibro, sono un altro atto di aggressione militare e l’uso della forza da parte dell’Armenia contro l’Azerbaigian”.

“L’Azerbaigian ha ripetutamente avvertito la comunità internazionale che l’Armenia si sta preparando per un nuovo atto di aggressione e per la guerra. L’Azerbaigian ha ripetutamente affermato che l’attacco militare in corso dell’Armenia contro l’Azerbaigian, la presenza delle forze armate dell’Armenia nei territori occupati dell’Azerbaigian sono la principale minaccia alla pace e alla stabilità regionale “.

“Sullo sfondo dei dibattiti generali della 75a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, in un momento in cui il mondo sta combattendo la pandemia COVID-19, la leadership politico-militare dell’Armenia è ricorsa a un’altra avventura e provocazione militare. Con queste azioni, la leadership dell’Armenia ha dimostrato ancora una volta mancanza di rispetto per il diritto internazionale, la Carta delle Nazioni Unite e la comunità internazionale “.

“Tutta la responsabilità per la situazione attuale e l’ulteriore sviluppo degli eventi ricade interamente sulla leadership politico-militare dell’Armenia”, ha affermato Hikmet Hajiyev.

Condividi:
Nizar Ramadan
Nizar Ramadan
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: