Erdogan all’Onu, per il E.Med serve una “conferenza regionale”

Erdogan all’Onu, per il E.Med serve una “conferenza regionale”

K metro 0 – New York – Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha proposto la convocazione di “una conferenza regionale con gli Stati costieri del Mediterraneo orientale, inclusi i turco-ciprioti” per risolvere le dispute in corso in quella regione. Inoltre c’è un urgente bisogno di attuare “riforme globali e significative” presso le Nazioni Unite,

Condividi:

K metro 0 – New York – Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha proposto la convocazione di “una conferenza regionale con gli Stati costieri del Mediterraneo orientale, inclusi i turco-ciprioti” per risolvere le dispute in corso in quella regione. Inoltre c’è un urgente bisogno di attuare “riforme globali e significative” presso le Nazioni Unite, a partire dalla ristrutturazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Lo ha dichiarato lo stesso Erdogan in un video-messaggio trasmesso nel corso della 75ma sessione.

“In qualità di paese garante, non abbiamo mai lasciato il popolo turco-cipriota da solo nella sua giusta causa e non lo lasceremo in futuro. La soluzione alla questione cipriota è possibile solo accettando il fatto che i turco-ciprioti sono i comproprietari dell’isola”- ha affermato Recep Tayyip Erdogan – “sosterremo qualsiasi soluzione che garantisca in modo permanente la sicurezza del popolo turco-cipriota e dei suoi diritti storici e politici sull’isola”.

Dietro le tensioni nel Mediterraneo orientale, ha detto il presidente turco, “ci sono paesi che agiscono con atteggiamento da ‘chi vince prende tutto’, allo scopo di escludere chi non ha chance di successo. Noi non abbiamo progetti sui dritti di altri, né nel Mediterraneo orientale né in qualsiasi altra regione ma non possiamo ignorare violazioni dei nostri diritti”, ha spiegato Erdogan. Una ragione per la crisi nell’area, ha detto ancora il leader di Ankara, è “l’assenza di una soluzione durevole e permanente alla crisi di Cipro”, che continua a intermittenza dal 1968.

La priorità è appianare le dispute sulla base di “un dialogo sincero, su base equa”, ha aggiunto il presidente della Turchia, che poi conclude: “non tollereremo mai alcuna imposizione, molestia o attacco”.

Sulla Siria, ha detto che il paese dilaniato dalla guerra civile “continua a rappresentare una minaccia per la sicurezza e la stabilità della nostra regione”. “Dovrebbe essere una priorità per tutti noi risolvere il conflitto in Siria sulla base del piano approvato nella risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Il presidente turco ha anche evidenziato “un problema che minaccia l’umanità”. “Il razzismo, la xenofobia, l’islamofobia e l’incitamento all’odio hanno raggiunto un livello allarmante”, ha detto.

Rivolgendosi all’Iran, ha espresso sostegno per la risoluzione delle questioni relative al programma nucleare iraniano alla luce del “diritto internazionale, attraverso la diplomazia e il dialogo”. Ha anche ribadito l’appello a tutte le parti “di rispettare i loro obblighi nell’ambito del piano d’azione globale congiunto, che contribuisce in modo significativo alla sicurezza regionale e globale”.

Sulla Palestina, Erdogan ha sollecitato l’istituzione dello Stato Palestinese indipendente, sovrano e contiguo basato sui confini del 1967 con Gerusalemme Est come capitale.

Intanto, la Turchia si aspetta un approccio prudente e costruttivo dalla Francia mentre l’allentamento delle tensioni nel Mediterraneo orientale continua, ha detto martedì il presidente Tayyip Erdogan in una telefonata con il suo omologo francese Emmanuel Macron.

In una dichiarazione a seguito della chiamata, la presidenza turca ha affermato che il presidente Erdogan ha sottolineato la necessità di utilizzare le opportunità diplomatiche per allentare le tensioni e raggiungere negoziati sostenibili.

Atene e Ankara hanno deciso di avviare il 61 ° ciclo di contatti esplorativi per risolvere le loro controversie a Istanbul, ha detto il ministero degli Esteri greco in un breve annuncio martedì. Il ministero ha detto che i colloqui si terranno presto, senza specificare la data.

Condividi:
Nizar Ramadan
Nizar Ramadan
CONTRIBUTOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: