fbpx

Carceri Di Giacomo: arresto direttrice Reggio Calabria. Lontani da vincere le mafie

Carceri Di Giacomo: arresto direttrice Reggio Calabria. Lontani da vincere le mafie

K metro 0 – Napoli – L’arresto per concorso esterno per associazione mafiosa dell’ex direttore della Casa Circondariale di Reggio Calabria riapre il tema dei detenuti dell’alta sicurezza, i quali da anni comandano nelle carceri italiane e impartiscono ordini all’esterno trovando nel carcere, che dovrebbe essere il punto terminale di una carriera criminale, un punto

K metro 0 – Napoli – L’arresto per concorso esterno per associazione mafiosa dell’ex direttore della Casa Circondariale di Reggio Calabria riapre il tema dei detenuti dell’alta sicurezza, i quali da anni comandano nelle carceri italiane e impartiscono ordini all’esterno trovando nel carcere, che dovrebbe essere il punto terminale di una carriera criminale, un punto di ripartenza e di riorganizzazione delle attività mafiose sui propri territori. A dichiararlo è il segretario generale del sindacato S.PP. Aldo Di Giacomo: “da anni l’attenzione mediatica è rivolta in modo esclusivo al 41Bis, ma chi conosce bene il carcere sa che la partita si sta giocando tra Stato e detenuti dell’alta sicurezza i quali hanno il controllo assoluto all’interno delle carceri.

Il ruolo svolto dalla polizia penitenziaria, in questo caso, ma più in generale alla lotta alla criminalità organizzata, è fondamentale ed imprescindibile. L’arresto di ieri è probabilmente solo la punta dell’iceberg, le collusioni tra parte consistente dello Stato e le mafie ed i tessuti sociali e religiosi sono forse stati troppo sottodimensionate. Se così non fosse come si spiegherebbero i 4 mila detenuti di alta sicurezza che usufruiscono delle celle aperte”.

Continua Di Giacomo: “il contrasto alle mafie sarà il tema più importante del prossimo decennio. La lotta alle stesse non potrà prescindere da un contrasto anche e soprattutto all’interno delle carceri e in questo il ruolo più importante lo giocherà la polizia penitenziaria collegata alle altre forze di polizia ed alla magistratura anti-mafia, svincolandola da assurde sovrapposizione con le logiche emerse con l’arresto di ieri”.

Senza questo la lotta alle mafie sarà incompiuta, conclude Di Giacomo.

Condividi su:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Pubblicità

Su TUTTE le prestazioni Super PROMO -30% | dott.ssa Chiara Cefalo - Medico Endocrinologo

Che tempo fa



Condividi su: