Aosta: il Museo archeologico ospita l’Impressionismo tedesco

Aosta: il Museo archeologico ospita l’Impressionismo tedesco

K metro 0 – Aosta – Da sabato 11 luglio, sarà visitabile nel Museo Archeologico Regionale di Piazza Roncas, ad Aosta, la mostra “Impressionismo tedesco. Liebermann, Slevogt, Corinth dal Landesmuseum di Hannover”, dove saranno esposti i dipinti, le opere grafiche e le sculture dei tre grandi esponenti dell’Impressionismo tedesco. Il Museo Archeologico si trova nell’area dell’antica

Condividi:

K metro 0 – Aosta – Da sabato 11 luglio, sarà visitabile nel Museo Archeologico Regionale di Piazza Roncas, ad Aosta, la mostra “Impressionismo tedesco. Liebermann, Slevogt, Corinth dal Landesmuseum di Hannover”, dove saranno esposti i dipinti, le opere grafiche e le sculture dei tre grandi esponenti dell’Impressionismo tedesco.

Il Museo Archeologico si trova nell’area dell’antica Porta Principalis Sinistra della città romana alla quale, nel medioevo, venne addossata una casa forte. Nel XVII secolo le suore, seguaci di Jeanne de Chantal, vi fondarono il monastero della Visitazione ma nel 1802 durante l’epoca napoleonica queste furono cacciate e l’edificio trasformato in una caserma denominata “della Visitazione” e, in seguito, Challant. La chiesa del complesso monastico, invece, fu utilizzata come scuderia, divenne poi un teatro e, infine, un magazzino di articoli agrari. La facciata attuale è quella della caserma, con dipinti del XIX secolo che riproducono lo stemma di casa Savoia e i ritratti dei principali personaggi, distintisi per le loro gesta, della nobile famiglia Challant.

Questo progetto espositivo, unico in Italia, vuole raccontare la storia dell’evoluzione dell’Impressionismo tedesco attraverso una prestigiosa selezione di dipinti, di opere grafiche e sculture, proveniente dal Landesmuseum di Hannover e per la maggior parte mai esposta al di fuori del territorio tedesco. Nasce grazie alla collaborazione istituzionale tra la Struttura Attività espositive e promozione identità culturale della Soprintendenza per i beni e le attività culturali della Valle d’Aosta e il Landesmuseum di Hannover, curata da Thomas Andratschke, in qualità di responsabile della sezione “Nuovi maestri” del Landesmuseum, e da Daria Jorioz, storica dell’arte e dirigente della Regione.

L’esposizione delle opere  di Liebermann, Slevogt e Corinth rappresenta un’occasione unica di indagine, studio e valorizzazione di importanti artisti, poco noti al pubblico italiano ma di grande interesse, e che hanno spesso ritratto la natura e i paesaggi italiani.

La mostra si snoda in ordine cronologico e su tre aree tematiche: la prima sezione ospita i pionieri della pittura paesaggistica tedesca fino al 1890, la seconda mostra i capolavori dei tre più celebri Impressionisti tedeschi come Max Liebermann, Max Slevogt e Lovis Corinth, mentre la terza sezione propone i loro successori, gli artisti dell’Impressionismo tedesco attivi fino al 1930.

In Germania gli albori di questo movimento si individuano nella pittura realistica di paesaggio, la “realistische Freilichtmalerei”, che contraddice il gusto conservatore dominante all’interno del regno tedesco dell’imperatore Guglielmo di Prussia.

Per seguire le regole dettate dall’emergenza sanitaria i visitatori dovranno indossare le mascherine, mentre il personale di sorveglianza del Museo indirizzerà il flusso del pubblico, e i visitatori fruiranno di entrate ed uscite differenziate. Nelle sale espositive sarà fatta rispettare la distanza minima di oltre un metro e l’afflusso in modo da evitare possibili assembramenti.

La mostra sarà aperta tutti i giorni dalle 9 alle 19. Il costo del biglietto intero è di 6 euro e il ridotto 4 euro. L’ingresso è gratuito per i minori di 18 anni.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: