Cina avvisa gli Usa: adotteremo contromisure su Hong Kong

Cina avvisa gli Usa: adotteremo contromisure su Hong Kong

Pechino adotterà ferme contromisure a tutela dei suoi interessi in materia di sicurezza e sviluppo, criticando la decisione degli Usa di iniziare a porre fine al trattamento speciale per la città di Hong Kong.

Condividi:

K metro 0 – Pechino – Arriva oggi la risposta della Cina agli Stati Uniti in merito alla questione di Hong Kong: Pechino adotterà ferme contromisure a tutela dei suoi interessi in materia di sicurezza e sviluppo, criticando la decisione degli Usa di iniziare a porre fine al trattamento speciale per la città di Hong Kong. A riferirlo è il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian.

“Si tratta di misure che interferiscono con gli affari interni della Cina, ha affermato Zhao, chiedendo la tutela di studenti e aziende cinesi. Washington rischia di danneggiare le relazioni bilaterali”. Proprio la scorsa settimana il parlamento cinese aveva votato la legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong, decisione che ha scaturito le critiche da parte degli Usa, Regno Unito e l’Europa. Trump ha ordinato al suo governo di iniziare il processo di annullamento del trattamento speciale da parte degli Stati Uniti per l’isola di Hong Kong, come contro misura alla mossa cinese, in particolare sul trattamento di estradizione e i controlli sulle esportazioni. Trump ha sottolineato: “Gli Stati Uniti imporranno anche sanzioni a coloro che saranno ritenuti responsabili di reprimere la libertà di Hong Kong” e fa sapere inoltre, che potrebbe provare a guadagnare tempo prima di decidere se attuare le misure più drastiche, che hanno già attirato una forte resistenza da parte delle società statunitensi operanti ad Hong Kong. Inoltre, il presidente Donald Trump ha dichiarato che la sua amministrazione studierà i modi per proteggere gli americani dai rischi di investire in società cinesi, aumentando la pressione sulle aziende affinché rispettino le norme statunitensi in materia di contabilità e divulgazione.

Sul piano finanziario le azioni di Hong Kong non hanno subito grandi stravolgimenti, l’HSI è salito di oltre il 3% oggi, poiché gli investitori si sono sollevati sul fatto che Trump non ha immediatamente posto fine ai privilegi speciali statunitensi.

Intanto, un gruppo di legislatori repubblicani ha intenzione di presentare una proposta di legge proprio questa settimana, per impedire agli americani di investire in società di difesa straniere con legami con le forze armate cinesi, secondo quanto riporta un documento diffuso da Reuters, l’ultimo di una serie di misure volte a frenare gli Stati Uniti sui finanziamenti per aziende con sede in Cina. Gli deputati Mike Gallagher, Jim Banks e Doug LaMalfa hanno in programma una proposta di legge, che richiederebbe che impedirà agli americani di investire in imprese di difesa straniere con legami con le forze armate cinesi, secondo quanto riferito da Reuters. Inoltre, hanno chiesto al segretario del Tesoro Steve Mnuchin di presentare un rapporto al Congresso, che elenchi le società di difesa straniere aventi contratti sostanziali, legami o sostegno con l’apparato militare cinese. Anche se non è stato immediatamente chiaro se i democratici o altri repubblicani avrebbero appoggiato il disegno di legge, il sentimento anti-Cina continua a crescere in Campidoglio. Inoltre, sia la Camera dei rappresentanti, a guida democratica, che il Senato a maggioranza repubblicana, hanno approvato la legislazione per punire i massimi funzionari cinesi per le chiare violazioni dei diritti umani contro l’etnia uiguri a maggioranza musulmana.

Nel frattempo, le azioni del mercato europeo aumentano dopo la risposta di Trump alla Cina. Un rialzo positivo che fa ben sperare in una ripresa globale post-coronavirus, con gli investitori sollevati dal fatto che la risposta degli Stati Uniti, alla legge cinese sulla sicurezza nazionale a Hong Kong, non sia stata così grave come temuto.

L’indice paneuropeo STOXX 600 è aumentato dello 0,6%, guidato da guadagni nelle banche X7P, minatori XPP e titoli di viaggio e tempo libero. I mercati globali hanno aperto il mese di giugno con una risposta forte, lo STOXX 600 ha recuperato quasi il 31% dai minimi registrati nel mese di marzo. Giovedì prossimo la Banca centrale europea si riunirà e gli investitori si aspettano che i responsabili politici accelerino il programma di acquisto delle obbligazioni.

I sondaggi sulle attività commerciali hanno mostrato che il settore manifatturiero tedesco ha continuato a contrarsi a maggio, anche se la crisi delle attività produttive in Francia e Spagna si è allentata. Tra i singoli titoli, il Mediobanca italiano (MDBI.MI) è balzato del 9,4% dopo che il miliardario Leonardo Del Vecchio ha confermato di aver chiesto il via libera alla Banca centrale europea per aumentare la sua partecipazione nella società. La spagnola MasMovil è cresciuta di oltre il 21% poiché i fondi di acquisizione KKR, Cinven e Providence hanno lanciato un’offerta per pagare fino a 2,96 miliardi di euro per l’operatore di telecomunicazioni. Il proprietario associato di Primark Associated British Foods ha guadagnato il 6,4%, poiché ha annunciato che sta lavorando per riaprire tutti i suoi 153 negozi in Inghilterra dal prossimo 15 giugno.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: