Russia, l’appello dei medici che si sentono sacrificabili

Russia, l’appello dei medici che si sentono sacrificabili

K metro 0 – Mosca – Dalla Russia giunge l’appello dei medici che si sentono sacrificabili in questo momento storico segnato dall’epidemia del Covid-19. Non ci sono manifestazioni pubbliche quotidiane di gratitudine per i dottori e le infermiere russe, invece di applausi, ricevono solo ostilità e stipendio basso. Alcuni residenti del quartiere posto vicino al

Condividi:

K metro 0 – Mosca – Dalla Russia giunge l’appello dei medici che si sentono sacrificabili in questo momento storico segnato dall’epidemia del Covid-19. Non ci sono manifestazioni pubbliche quotidiane di gratitudine per i dottori e le infermiere russe, invece di applausi, ricevono solo ostilità e stipendio basso.

Alcuni residenti del quartiere posto vicino al National Medical Research Center for Endocrinology, un ospedale di Mosca che cura pazienti con coronavirus, si sono lamentati quando hanno visto gli operatori sanitari uscire dall’edificio temendo che i lavoratori avrebbero diffuso il contagio. Lo scoppio dell’epidemia ha esercitato un’enorme pressione sulla comunità medica russa. Mentre i media statali li accolgono come eroi, i medici e le infermiere intervistati dall Associated Press affermano che stanno combattendo sia il virus che un sistema che non li supporta. Hanno denunciato la carenza di dispositivi di protezione e molti sostengono di essere stati minacciati di licenziamento o persino di essere perseguiti per aver reso pubbliche le loro denunce. Alcuni hanno tentato anche il suicidio. L’ostilità nei confronti della professione medica è molto diffusa in Russia, afferma l’antropologa sociale Alexandra Arkhipova.

La Russia al momento registra oltre 300.000 infezioni e 2.972 morti, ma il governo continua a contestare chi ha messo in dubbio il numero relativamente basso delle vittime.

Secondo alcune dichiarazioni ufficiali in più di 70 regioni russe almeno 9.479 operatori sanitari sono stati infettati dal virus nell’ultimo mese e più di 70 sono morti. Gli operatori sanitari ritengono che il bilancio delle vittime sia molto più elevato e hanno compilato un elenco di oltre 250 casi. La dott.ssa Irina Vaskyanina ha dichiarato che almeno 40 lavoratori sono infettati in un ospedale di Reutov, fuori Mosca, dove ha diretto un dipartimento che si occupa delle trasfusioni di sangue. Ha anche raccontato che gli insulti e le minacce sono diventati comuni dopo che si è lamentata delle condizioni di lavoro, delle forze dell’ordine e persino del presidente Vladimir Putin. I medici della regione meridionale della Cecenia, che in seguito si sono lamentati della carenza di attrezzature, hanno dovuto ritirare le loro dichiarazioni e scusarsi con la TV.  Alcuni operatori sanitari affermano di non aver ottenuto bonus che il governo ha promesso loro. All’inizio di aprile, Putin ha promesso personalmente bonus sugli stipendi mensili.

Un mese dopo, i social media sono stati riempiti con foto di buste paga con cifre nettamente inferiori.  Intanto più di 110.000 persone hanno firmato una petizione online per chiedere al governo di mantenere la sua promessa.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: