Ciclone Amphan: si avvicina sull’India orientale e Bangladesh

Ciclone Amphan: si avvicina sull’India orientale e Bangladesh

K metro 0 – Dacca – Brutte notizie arrivano dall’India e dal Bangladesh in queste ore. Forti piogge e venti si sono abbattute su parti dell’India orientale e del Bangladesh mentre si avvicina un super ciclone. In entrambi i paesi milioni di persone hanno lasciato le loro case in attesa che arrivi il ciclone Amphan

Condividi:

K metro 0 – Dacca – Brutte notizie arrivano dall’India e dal Bangladesh in queste ore. Forti piogge e venti si sono abbattute su parti dell’India orientale e del Bangladesh mentre si avvicina un super ciclone. In entrambi i paesi milioni di persone hanno lasciato le loro case in attesa che arrivi il ciclone Amphan dal Golfo del Bengala.

Almeno 12 persone hanno perso la vita e 5.500 abitazioni sono state distrutte nel West Bengala, ma è solo l’inizio in attesa dell’occhio del ciclone che dovrebbe abbattersi in serata sulla capitale Calcutta e su tutta l’area circostante. A rischio immediato ci sono almeno 300.000 persone nelle aree costiere. Su Calcutta si stanno abbattendo violenti temporali che hanno provocato inondazioni mentre le raffiche di vento hanno sradicato alberi. Gran parte della città è al buio perché l’elettricità è stata tagliata in via precauzionale per evitare incidenti. Crescono i timori dei meteorologi per uno tsunami con onde che potrebbero raggiungere i cinque metri.

L’India e il Bangladesh hanno chiesto che le scuole e altri edifici vengano trasformati in rifugi temporanei, ma hanno bisogno di più spazio per ospitare le persone per mantenere le distanze sociali. La polizia nello stato del Bengala occidentale dell’India ha detto alla BBC che le persone non erano disposte ad andare nei rifugi perché avevano paura di contrarre il Covid-19. Amphan dovrebbe colpire la costa con venti che soffiano fino a 185 km/h (115 miglia all’ora), l’equivalente di un uragano di categoria cinque. I funzionari in Bangladesh temono che sarà la tempesta più potente dopo il ciclone Sidr che nel 2007 uccise circa 3.500 persone.

La tempesta arriva mentre dieci delle migliaia di lavoratori migranti continuano a fuggire dalle città durante il blocco delle misure restrittive per frenare la diffusione del coronavirus. Il Bengala Occidentale e l’Orissa sono tra gli stati indiani che stanno vedendo tornare un numero maggiore di persone.

L’Orissa ha cancellato i treni che dovevano arrivare con migliaia di migranti tra il 18 e il 20 maggio. Alcuni funzionari distrettuali hanno vietato l’ingresso e hanno chiesto al governo statale di accogliere i migranti altrove fino al passaggio della tempesta. Entrambi gli stati hanno anche bloccato il traffico aereo.

Tuttavia, ci sono paure per centinaia di migliaia di rifugiati rohingya che sono fuggiti dal Myanmar e vivono nei campi del paese. Nel frattempo, i funzionari statali indiani stanno lavorando per trovare rifugi per gli sfollati. In Orissa, ad esempio, 250 degli oltre 800 rifugi esistenti vengono utilizzati come centri di quarantena per il coronavirus. In India circa 50.000 persone sono state evacuate da aree vicine alle isole Sunderban.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: