Borgosesia (VC), il Carnevale è una travolgente festa lunga un mese

Borgosesia (VC), il Carnevale è una travolgente festa lunga un mese

K metro 0 – Vercelli – Un irresistibile clima di festa invaderà presto le vie e le piazze di Borgosesia con i cortei mascherati, la musica, le delizie gastronomiche e i colori dei coriandoli e dei costumi. Nella cittadina in provincia di Vercelli, d’altronde, il Carnevale rappresenta “la” festa per eccellenza dell’anno. Non solo perché

Condividi:

K metro 0 – Vercelli – Un irresistibile clima di festa invaderà presto le vie e le piazze di Borgosesia con i cortei mascherati, la musica, le delizie gastronomiche e i colori dei coriandoli e dei costumi. Nella cittadina in provincia di Vercelli, d’altronde, il Carnevale rappresenta “la” festa per eccellenza dell’anno. Non solo perché – con i suoi oltre 100 anni – fa parte del ristretto club dei Grandi Carnevali Storici Italiani, ma anche per un particolare che lo rende unico: nel primo giorno di Quaresima, proprio quando terminano gli altri eventi sparsi per lo Stivale, questo vive il suo momento culminante!

E così anche in questa edizione, dal 2 al 26 febbraio, Borgosesia si vestirà a festa tra sfilate di carri allegorici e mascherate (rigorosamente a ingresso gratuito), sagre, veglioni, bande musicali e momenti dedicati ai più piccoli; il tutto all’insegna dell’accesa rivalità fra i cinque Rioni per la conquista dell’ambito Palio, uno splendido stendardo cucito a mano che premierà il carro vincitore. Proprio questa competizione ha fatto sì che i colossi allegorici in cartapesta siano divenuti negli anni sempre più spettacolari e imponenti, frutto di un lavoro che dura un anno intero e che ha trasformato il Carnevale di “Magunopoli” – così si chiama Borgosesia nei giorni della festa – in uno degli eventi più caratteristici d’Italia. Nell’edizione 2020 parteciperà al concorso delle mascherate un nuovo gruppo, a testimoniare la crescente voglia dei borgosesiani di prendere parte alla manifestazione.

Come di consueto, grande spazio sarà dato alla buona cucina. L’evento prenderà il via domenica 2 febbraio con il ritorno di sua maestà “Peru Magunella” (la maschera regnante della tradizione borgosesiana), la cerimonia di consegna delle chiavi della città, la “Gran Busecca” in piazza – il caratteristico piatto carnevalesco fatto di brodo di verdure e trippa, cotto dentro grosse marmitte – con la distribuzione gratuita di oltre 6.000 razioni alla popolazione. Presso il Centro Pro Loco ci sarà un susseguirsi di veglioni danzanti, di pranzi e serate enogastronomiche, dedicate ad un pubblico di ogni età ed a favore di tutti coloro che vorranno partecipare al Carnevale da protagonisti e non solo da spettatori. Dal 6 al 9 febbraio tornerà anche il “Magunella Bierfest”, con quattro giorni all’insegna dell’enogastronomia tipicamente bavarese, birra a fiumi e spettacoli di musica dal vivo tutte le sere.

Domenica 9 febbraio è in programma il primo “Corso Mascherato” con carri allegorici, mascherate a piedi, bande musicali, majorettes e gruppi folcloristici. Poi giusto qualche giorno di attesa, e giovedì 13 la compagnia teatrale “Gli Strampalati” riprenderà, dopo un anno di pausa, la tradizione di portare in scena una commedia brillante: “La Bela Andurmentà d’la Cà di Rait”, commedia ambientata nel 1937, anno in cui si festeggiavano i 50 anni delle sfilate dei carri. Sabato 15 febbraio, con “Oggi vesto come mi pare”, tutti i cittadini potranno indossare gli abiti più stravaganti fra aperitivi, cene e veglioni in maschera e animazioni per bambini. Il giorno successivo spazio al secondo “Corso Mascherato” e, dopo il ballo dei bambini in programma giovedì 20, sabato 22 febbraio tutti indosseranno gli abiti eleganti per il “Gran galà del saba gras”, il veglionissimo in bianco e nero; domenica 23 sarà invece la volta del terzo “Corso Mascherato” e della tanto attesa assegnazione del Palio dei Rioni al miglior carro allegorico e del “Minipalio delle Mascherate”.

Ma non finisce qui, perché se in ogni angolo del Paese il martedì grasso segnerà la fine dei festeggiamenti, mercoledì 26 febbraio Borgosesia vivrà la più antica giornata del suo Carnevale: il “Mercu Scurot”, giunto alla 167esima edizione. Svegliati dalle note della banda cittadina, i “cilindrati” indosseranno l’abito della festa – frac, gala (un grosso farfallino bianco di garza), cilindro e mantella – e dopo un pranzo pantagruelico inizieranno una sorta di tour enologico della città bevendo vino presso le osterie e i banchetti, scortando la maschera del Peru Magunella fino al rogo e quindi al termine del suo regno carnevalesco, fra spettacoli di bande musicali e spettacolari fuochi artificiali che daranno a tutti i partecipanti l’appuntamento alla prossima edizione.

 

Info: Data – 2/26 febbraio – Località – Borgosesia – Vercelli

www.fuoriporta.org

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: