UK. Alta velocità e riconoscimento facciale fanno discutere

UK. Alta velocità e riconoscimento facciale fanno discutere

K metro 0 – Londra – Il governo britannico martedì ha approvato un piano in stallo da tempo per la costruzione di una linea ferroviaria ad alta velocità che collegherà Londra con l’Inghilterra centrale e settentrionale. Gli ambientalisti e altri membri del partito di Johnson si sono opposti fortemente. Il premier conservatore, che ha spesso

Condividi:

K metro 0 – Londra – Il governo britannico martedì ha approvato un piano in stallo da tempo per la costruzione di una linea ferroviaria ad alta velocità che collegherà Londra con l’Inghilterra centrale e settentrionale. Gli ambientalisti e altri membri del partito di Johnson si sono opposti fortemente. Il premier conservatore, che ha spesso parlato di portare a termine progetti su larga scala, ha annunciato l’ok del governo al progetto, noto come High Speed 2 o HS2. La nuova linea è stata, secondo l’ex sindaco di Londra, piegata da una cattiva gestione ma ha anche rimarcato come questo non toglie “valore” all’opera. “Questo Paese ha il freno a mano tirato a causa delle infrastrutture inadeguate”, ha dichiarato Johnson ai parlamentari della Camera dei Comuni e poi ha aggiunto: “Sì, potremmo utilizzare le linee già esistenti… oppure potremmo avere il coraggio di prendere una decisione, controversa e complicata, che possa portare prosperità a ogni parte della nazione”. Il primo ministro britannico ha riconosciuto la larga opposizione al piano, ricordando però come ogni grande progetto a un certo punto “venga criticato”. Il disegno è stato approvato circa dieci anni fa, poi sono intervenuti diversi ritardi e revisioni. I treni sarebbero dovuti entrare in funzione nel 2026 mentre ora si parla del 2030.

Un’altra iniziativa che sta facendo discutere è quella della polizia di Londra, che martedì ha iniziato a utilizzare telecamere con riconoscimento facciale. L’obiettivo è quello di ‘scannerizzare’ i passanti per riuscire a rintracciare i ricercati. Tuttavia, la nuova tecnologia ha alimentato le preoccupazioni riguardo la sorveglianza sempre più asfissiante e l’erosione della privacy. Le camere sono state montate su una camionetta della polizia, hanno monitorato tutti gli individui in entrata e in uscita di un centro commerciale a Stratford, nella zona est di Londra. Alcune insegne specificavano come le autorità stessero utilizzando la tecnologia per “individuare ricercati”. Gli agenti hanno anche spiegato ai passanti come funziona il sistema. E’ la prima volta che la Metropolitan Police utilizza il riconoscimento facciale, dopo un lungo periodo di sperimentazione terminato lo scorso anno. Le critiche sono arrivate soprattutto da organizzazioni per i diritti umani, da parlamentari e da esperti sulla mancanza di accuratezza nel sistema. Gli attivisti temono che sia solamente l’inizio dell’espansione incontrollata dei meccanismi di sorveglianza.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: