RENATO MAMBOR – Firenze, Tornabuoni Arte, Lungarno Benvenuto Cellini 3

RENATO MAMBOR – Firenze, Tornabuoni Arte, Lungarno Benvenuto Cellini 3

Proiezione in galleria del Film “MAMBOR”, regia di Gianna Mazzini. Mercoledì 13 novembre K metro 0 – Toscana – È in corso alla Tornabuoni Arte di Firenze (sino al 30 novembre) un’ampia mostra dedicata alla figura di Renato Mambor, artista della Scuola romana di Piazza del Popolo. Si tratta della prima esposizione (a cura di

Condividi:

Proiezione in galleria del Film “MAMBOR”, regia di Gianna Mazzini. Mercoledì 13 novembre

K metro 0 – Toscana – È in corso alla Tornabuoni Arte di Firenze (sino al 30 novembre) un’ampia mostra dedicata alla figura di Renato Mambor, artista della Scuola romana di Piazza del Popolo. Si tratta della prima esposizione (a cura di Federico Sardella in collaborazione con l’Archivio Mambor) ad essere allestita dopo l’uscita del film “MAMBOR “, presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, che ha proposto uno sguardo rinnovato sulla figura dell’artista. Il film, diretto da Gianna Mazzini, scrittrice e regista che ha conosciuto molto bene l’artista verrà proiettato mercoledì 13 novembre all’interno della Tornabuoni Arte, Lungarno Cellini 3 alle 19.50.

La Mostra, l’ampio catalogo e il Film sono ora le preziose chiavi che ci consentono di accedere un po’ di più alla creatività e all’essere di un artista che per alcuni aspetti era poco conosciuto. Sono lieto che la mia galleria si faccia portatrice di questo nuovo sguardo” afferma Roberto Casamonti.

Il film, attraverso lo sguardo-guida della regista accompagna lo spettatore a conoscere l’uomo e artista e il valore della sua opere nell’attualità di oggi, in un percorso di continua creatività in cui l’unione tra l’uomo e l’artista è sempre più forte.

Gianna Mazzini ricorda così quel periodo: “Roma, una quindicina d’anni fa. Lui già grande, io assai più piccola. Siamo diventati amici, e da quella volta ci siamo visti spesso: io, lui e Patrizia Speciale, la sua compagna. Accadeva che si cominciasse a parlare del mondo come se il mondo dipendesse da noi. Un giorno mi ha chiesto di fargli un ritratto con le immagini, un film. Abbiamo cominciato a lavorare insieme. Ore a parlare. Vederlo lavorare. Il rapporto si è fatto saldo. Il vero grande privilegio è stato essergli vicino nell’ultimo periodo. Il suo finale fiammeggiante, con i pensieri di quando si sta in bilico. Un combattente vero”.

“Mi restava il tesoro di un artista fantastico, stretto in una lettura troppo stretta: gli anni 60, gli uomini statistici. Gli anni 70. Quel periodo, quel gruppo, quelle opere. E invece c’erano ancora un sacco di cose da scoprire di lui, e durante quella fase di sospensione le scoperte si affacciavano continue: un taccuino, foto, qualche frase o brandelli di conversazione che mi riaccendevano la testa. Lui che sceglieva di andare fuori moda. Lui e la sua capacità di anticipare. Di aprire. Mi tornavano in mente le sue parole: ‘Fammi un ritratto di quelli che fai te, ma ci devi essere, ci devi essere proprio te’. A quel punto ho capito che il modo in cui avrei preso lo spazio che Renato mi aveva chiesto di occupare sulla scena sarebbe stata la mia voce. Ho pensato molto a chi oggi ha vent’anni, a chi non ha nessuna idea di chi Renato sia stato e di cosa abbia prodotto. Mi è sembrata la condizione ideale per capirlo. Rileggerlo da capo. Perché è il suo percorso tutto che è incantevole: la parabola dice più dei singoli punti. E la sua ultima opera, per me, è la più nuova di tutte. Renato mi aveva anche chiesto: “niente musica”. E così è stato’.

Biografia della regista: Gianna Mazzini è una scrittrice e regista. Le sue attività spaziano dal cinema al teatro, dalla letteratura alla pubblicità, dalla radio al documentario. Ha lavorato a più riprese negli anni per il settore Ricerca e Sperimentazione Rai e realizzato diversi documentari per Rai Educational (tra gli altri, per i programmi La storia siamo noi e Vuoti di memoria). Nel 2001 vince la Menzione Speciale al Minimum Prize, Università delle Idee di Michelangelo Pistoletto con il progetto “Quel tanto di differenza”. Ideatrice e Fondatrice con l’economista Giovanna Galletti, di Labodif: istituto di ricerca e comunicazione, dedica la propria vita allo svelamento dello sguardo femminile.’

Info utili: La mostra è aperta al pubblico fino al 30 novembre 2019

Info: Tornabuoni Arte, Lungarno Benvenuto Cellini 3, Firenze – 50125
tel: +39 055 6812697 / Fax: +39 055 6812020
info@tornabuoniarte.itwww.tornabuoniarte.it

Orari di apertura: lunedì – venerdì 9.00 / 13.00 – 15.30 / 19.30 – sabato 10.30 /18.30

Uffici Stampa: Studio ESSECI, Sergio Campagnolo tel. 049.663499 gestione3@studioesseci.net – (Roberta Barbaro)

In collaborazione con: Davis & Co. | Lea Codognato e Caterina Briganti; Tel. + 39 055 2347273 – e.mail info@davisandco.it | www.davisaandco.it

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C
Condividi: