Ucraina, Zelens’kyj a Putin: convocare  vertice con Francia, Russia e Germania sul conflitto nel Donbass

Ucraina, Zelens’kyj a Putin: convocare  vertice con Francia, Russia e Germania sul conflitto nel Donbass

K metro 0 – Kiev – Il presidente ucraino Volodymyr Oleksandrovych Zelens’kyj ha dichiarato ieri di aver contattato il suo omologo russo Vladimir Putin, per sollecitarlo a trovare al più presto una soluzione pacifica per il conflitto nelle zone del Donbass. La premura di Zelens’kyj nasce dalla tragica notizia, riportata dal portavoce del ministero della Difesa

K metro 0 – Kiev – Il presidente ucraino Volodymyr Oleksandrovych Zelens’kyj ha dichiarato ieri di aver contattato il suo omologo russo Vladimir Putin, per sollecitarlo a trovare al più presto una soluzione pacifica per il conflitto nelle zone del Donbass.
La premura di Zelens’kyj nasce dalla tragica notizia, riportata dal portavoce del ministero della Difesa ucraino Dmytro Hutsuliak, di quattro soldati ucraini rimasti uccisi martedì scorso nei pressi di Pavlopil (un villaggio situato nell’oblast del Donetsk).
Secondo Hutsuliak “Alle 10:20 (ora locale ucraina di martedì, ndr), gli invasori russi hanno iniziato a sparare con un RPG vicino Pavlopil. Siamo tristi di annunciare che, secondo le informazioni disponibili, quattro dei nostri eroi hanno subito ferite mortali durante i bombardamenti nemici di oggi”.
Il portavoce ha poi dichiarato che le truppe russe hanno bombardato le forze congiunte ucraine in due occasioni nell’arco della giornata di martedì, utilizzando lanciagranate, armi leggere, mitragliatrici pesanti e mezzi IFV (Infantry Fighting Vehicle, mezzi pesanti da combattimento della fanteria, ndr).
Da questi eventi è partita la telefonata del presidente ucraino a Putin (la seconda, da quando si è insediato): “Ho discusso la questione con il presidente russo Vladimir Putin questa mattina. Ho richiesto un colloquio telefonico urgente e gli ho detto che tali eventi non ci avvicinano alla pace”, ha confermato Zelens’kyj in una conferenza stampa a Kiev, affermando poi di aver chiesto a Putin di “…fare pressioni” sui separatisti “…in modo che smettano di uccidere la nostra gente”.
Nel corso del suo dialogo con Putin, Zelens’kyj ha discusso anche la possibilità di organizzare un vertice ufficiale con i presidenti dei Paesi del Formato Normandia (Russia, Ucraina, Francia e Germania, ndr) per “…guardarsi dritto negli occhi e portare questa guerra alla fine”.
A quanto pare, il colloquio telefonico del presidente ucraino non è stato senza effetto. Secondo quanto riporta l’ufficio stampa della Presidenza ucraina, infatti “Le parti hanno concordato un possibile incontro tra i leader dei Paesi del formato Normandia. I gruppi di lavoro stanno preparando i documenti, che potrebbero essere firmati a livello di vertice”.
Putin, nel corso della telefonata, ha chiesto a Zelens’kyj di fermare i bombardamenti delle comunità situate nel Donbass, per evitare vittime civili, e di rispettare la tregua siglata a luglio (l’ultima di una lunga serie). I due presidenti si sarebbero però trovati pienamente d’accordo sulla necessità di fermare il conflitto e accelerare il processo di scambio dei rispettivi prigionieri.
Il presidente francese Macron, da parte sua, ha espresso pieno sostegno all’iniziativa di Zelens’kyj, e avrebbe anche promesso di contattare personalmente Angela Merkel e Vladimir Putin per organizzare il vertice.
Per quanto riguarda la data dell’incontro, secondo quanto annunciato dal presidente ucraino, la riunione dei Ministri degli Esteri di Francia, Germania, Russia e Ucraina si terrà alla fine di agosto, mentre il vertice tra i quattro presidenti di questi Paesi dovrebbe svolgersi poco dopo: “Alla fine di agosto, quattro rappresentanti dei ministri degli Esteri dovrebbero incontrarsi nel Formato Normandia in Francia. E sarebbe logico fissare un vertice a settembre. Personalmente preferirei all’inizio di settembre”, ha detto infatti il capo dello Stato ucraino, che da quando si è insediato non ha mai smesso di sollecitare i Paesi partner, in particolare Francia e Germania, a favorire la ripresa dei colloqui di pace.
Nel corso della giornata di ieri, Zelens’kyjsi si è inoltre recato in Turchia (dove rimarrà anche oggi) per incontrare il presidente Recep Tayyip Erdoğan e il Patriarca ecumenico Bartolomeo, oltre ai rappresentanti delle comunità tatare della Crimea.

di Emiliano Federico Caruso

Redazione_Ue
Redazione_Ue
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Rome
20°
Clear
06:4119:35 CEST
Feels like: 20°C
Wind: 3km/h E
Humidity: 80%
Pressure: 1013.6mbar
UV index: 0
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C