Sbarcano a Pozzallo i 62 naufraghi recuperati dal mercantile Asso25. In 40 giorni sbarcati oltre 1100 migranti

Sbarcano a Pozzallo i 62 naufraghi recuperati dal mercantile Asso25. In 40 giorni sbarcati oltre 1100 migranti

K metro 0/Jobsnews – Palermo – “Un anno dopo l’annuncio del Viminale di chiuderli, il mercantile #Asso25 sbarca le persone soccorse in Italia, a Pozzallo. È un importante atto di responsabilità delle autorità italiana, sebbene l’assistenza sia arrivata dopo oltre 48h e a più di 24h dal nostro Sos”. Così in un tweet la Ong Sea

K metro 0/Jobsnews – Palermo – “Un anno dopo l’annuncio del Viminale di chiuderli, il mercantile #Asso25 sbarca le persone soccorse in Italia, a Pozzallo. È un importante atto di responsabilità delle autorità italiana, sebbene l’assistenza sia arrivata dopo oltre 48h e a più di 24h dal nostro Sos”. Così in un tweet la Ong Sea Watch. “Due controlli in corso, due uomini sono stati trasferiti per malessere generico agli ospedali di Modica e Ragusa. Probabilmente in serata rientreranno all’hot-spot”. Lo dichiara il medico dell’Asp di Ragusa, Carmelo Scarso, riferendosi a due dei migranti approdati a Pozzallo. Dopo l’autorizzazione allo sbarco, l’azienda sanitaria ha preso in carico i casi che necessitavano di approfondimento di cautela. “Sbarco tranquillo, stanno tutti abbastanza bene”, aggiunge. Nella prima settimana di giugno sono già arrivate oltre 300 persone, che si vanno ad aggiungere alle più di 700 di maggio: in 40 giorni sono dunque sbarcati oltre 1.100 migranti, più della metà di tutti quelli arrivati dall’inizio dell’anno (1.878).

Mentre sono in corso a bordo di Asso25 i controlli sanitari pre-sbarco, arriva in banchina il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna. Non cita mai il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ma ciò che dice è un chiaro riferimento: “Pozzallo come tutti i porti italiani, non è stato mai un porto chiuso. È stato sempre aperto e la città di Pozzallo ha svolto nel passato un grande compito di accoglienza nei confronti dei migranti che scappano dai propri paesi. Non vedo differenza tra chi scappa dalla guerra e chi scappa dalla povertà – dice il primo cittadino di Pozzallo -. Oggi li stiamo accogliendo come continueremo a fare credo anche nel prossimo futuro. I migranti non si possono bloccare, la politica dell’immigrazione deve essere solo governata. Noi siamo una piccola istituzione che svolge questa funzione in nome dell’Italia e dell’Europa e siamo orgogliosi di poterla svolgere: accogliamo degli esseri umani e li trattiamo come tali”. E chi dice che i porti sono chiusi sbaglia: “I porti italiani non possono essere chiusi e quando qualche sindaco dice ‘ora il porto lo apro io’ sostiene cose solo a favore di telecamere. Per diritto internazionale sono aperti, Pozzallo è un porto aperto e che sa accogliere con grande spirito di solidarietà”.

 

Leggi anche:

Politica migratoria: il Consiglio europeo approva una posizione negoziale parziale sulla direttiva rimpatri

Redazione_Ue
Redazione_Ue
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Rome
20°
Clear
06:4119:35 CEST
Feels like: 20°C
Wind: 3km/h E
Humidity: 80%
Pressure: 1013.6mbar
UV index: 0
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C