Kosovo, minoranze etniche vissute in territori contaminati dal piombo, esperto di diritti umani: intraprendere “azioni immediate”

Kosovo, minoranze etniche vissute in territori contaminati dal piombo, esperto di diritti umani: intraprendere “azioni immediate”

K metro 0 – Tirana – Baskut Tuncak, un esperto di diritti umani dell’ONU, ha invitato le Nazioni Unite a intraprendere “azioni immediate” per rendere giustizia alle minoranze etniche che in Kosovo, durante la guerra del 1999, sfollate dalle loro abitazioni hanno trovato riparo in territori contaminati dal piombo. Dopo un incontro tra le vittime

K metro 0 – Tirana – Baskut Tuncak, un esperto di diritti umani dell’ONU, ha invitato le Nazioni Unite a intraprendere “azioni immediate” per rendere giustizia alle minoranze etniche che in Kosovo, durante la guerra del 1999, sfollate dalle loro abitazioni hanno trovato riparo in territori contaminati dal piombo. Dopo un incontro tra le vittime e i funzionari dell’ONU in Kosovo, Tuncak ha detto che “le circostanze richiedono un risarcimento individuale e delle scuse pubbliche da parte delle Nazioni Unite”.

La vicenda inizia nel 1999, quando, costretti a lasciare le loro case a Mitrovica, nel nord del Kosovo, dopo la guerra tra NATO e Serbia, circa 600 membri delle comunità rom, ashkali ed egiziane sono stati ospitati dalle Nazioni Unite, sino al 2013, su una terra che era stata contaminata dal piombo. “Nessuno sembra considerare ciò che molti in questa comunità emarginata e vulnerabile considerano l’unica soluzione praticabile per la loro situazione”, ha sottolineato una dichiarazione dell’Ufficio delle procedure speciali delle Nazioni Unite per i diritti umani a Ginevra, in Svizzera.

Le relazioni sulle valutazioni del rischio di inquinamento da piombo in questi territori erano già disponibili dal 1999, tanto che nel 2000 sono state adottate misure di protezione per i soldati dei corpi di pace. Ma incredibilmente, nulla è stato fatto per i residenti, che hanno avuto accesso alle misure protettive solo nel 2006. Molti bambini e adulti sono morti e altri hanno avuto problemi di salute, con patologie come convulsioni, malattie renali, disabilità fisiche e mentali e perdita di memoria.

Già nel 2016, un comitato consultivo per i diritti umani delle Nazioni Unite aveva stabilito il pagamento di indennizzi finanziari a ben 138 membri delle tre comunità citate, e le scuse formali per non aver rispettato gli standard sui diritti umani; mentre un fondo fiduciario istituito nel 2017 non è mai decollato, per mancanza di finanziamenti da parte della comunità internazionale.

Tuncak ha dichiarato di essere “profondamente deluso dall’inerzia che circonda questo caso, e che la soluzione offerta dall’ONU” in sostanza è “un fondo fiduciario inoperativo e fondamentalmente imperfetto”. Ma “Ora le Nazioni Unite hanno l’opportunità di fare il possibile per espiare gli errori del passato”, ha aggiunto l’esperto. “Le esorto, allora, a riconoscere le proprie responsabilità e ad adottare un’azione immediata e significativa”.

Posts Carousel

Posta commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Rome
20°
Clear
06:4119:35 CEST
Feels like: 20°C
Wind: 3km/h E
Humidity: 80%
Pressure: 1013.6mbar
UV index: 0
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C