Capital Market Union: trovato l’accordo per una più rafforzata supervisione delle controparti centrale

Capital Market Union: trovato l’accordo per una più rafforzata supervisione delle controparti centrale

K metro 0 – Bruxelles – La Commissione Europea ha accolto con favore l’accordo politico raggiunto oggi dal Parlamento europeo e dagli Stati membri dell’UE, al fine di garantire un controllo più solido ed efficace delle controparti centrali (CCP) che offrono servizi all’UE, il che contribuirà notevolmente a preservare la stabilità finanziaria nell’UE. Le CCP

K metro 0 – Bruxelles – La Commissione Europea ha accolto con favore l’accordo politico raggiunto oggi dal Parlamento europeo e dagli Stati membri dell’UE, al fine di garantire un controllo più solido ed efficace delle controparti centrali (CCP) che offrono servizi all’UE, il che contribuirà notevolmente a preservare la stabilità finanziaria nell’UE.

Le CCP dell’UE, ossia le infrastrutture di mercato sistemiche nel sistema finanziario, sono già ben regolamentate e soggette a un controllo rigoroso, grazie a una serie di misure adottate a seguito della crisi finanziaria. L’accordo serve, in sostanza, a migliorare la supervisione delle controparti centrali, stabilite in paesi dell’UE e in paesi terzi, offrendo o progettando di offrire servizi ai membri compensatori dell’UE e ai loro clienti, nonché alle sedi di negoziazione dell’UE.

Le nuove norme concordate si basano sulla proposta di revisione del regolamento relativo alle infrastrutture del mercato europeo (EMIR) presentato dalla Commissione europea nel 2017 nell’ambito del progetto dell’Unione dei mercati dei capitali. Queste disposizioni hanno grande importanza, e hanno il fine primario di proteggere la stabilità finanziaria a causa del crescente ruolo delle controparti centrali come intermediari nelle transazioni finanziarie. Inoltre, con la partenza del Regno Unito dall’UE, un volume significativo di strumenti finanziari denominati nelle valute degli Stati membri sarà liquidato dalle controparti centrali nei paesi terzi.

Il Vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis, responsabile per la stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l’Unione dei mercati dei capitali, ha dichiarato: “L’accordo politico di oggi su questa importante azione dell’Unione sui mercati dei capitali offre un solido quadro per il controllo dei CCP dell’UE e dei paesi terzi. La continua sicurezza e stabilità del nostro sistema finanziario è una priorità. Mentre affrontiamo la partenza del più grande centro finanziario dell’UE, l’UE sta proteggendo la stabilità finanziaria rimanendo molto aperta all’integrazione internazionale “.

Jyrki Katainen, vicepresidente responsabile per l’occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato: “Le istituzioni europee hanno lavorato duramente per rendere più sicuro il nostro sistema finanziario, un accordo importante per garantire una vigilanza solida ed efficace sui mercati dei derivati ​​e accelerare l’integrazione del mercato nei servizi finanziari “.

La riforma dell’EMIR introduce un approccio più euro-comprensivo alla vigilanza dei CCP dell’UE, e istituisce, in particolare, un comitato di vigilanza all’interno dell’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) con membri indipendenti, autorità di vigilanza nazionali e banche centrali. Per la vigilanza delle controparti centrali di paesi terzi che operano nell’UE, sulla base del sistema di equivalenza, introduce un approccio proporzionato: alcune CCP stabilite al di fuori dell’UE possono avere un’importanza talmente sistemica da richiedere condizioni aggiuntive per mitigare i potenziali rischi.

In casi di questo genere, l’ESMA ottiene ulteriori strumenti di vigilanza. Se ciò non è sufficiente, la Commissione può, su richiesta dell’ESMA, decidere che una controparte centrale sarà in grado di fornire alcuni o tutti i suoi servizi nell’Unione se stabilita nell’UE. Il comitato di vigilanza promuove, inoltre, la convergenza nella vigilanza delle controparti centrali dell’UE attraverso un maggiore coinvolgimento dell’ESMA in talune decisioni di vigilanza.

La Commissione accoglie inoltre con favore l’accordo politico raggiunto oggi dal Parlamento europeo e dagli Stati membri dell’UE per modificare lo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, emendamento che fa seguito al Sistema europeo di banche centrali con i poteri necessari per svolgere i compiti previsti dal regolamento EMIR modificato.

Posts Carousel

Posta commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Rome
20°
Clear
06:4119:35 CEST
Feels like: 20°C
Wind: 3km/h E
Humidity: 80%
Pressure: 1013.6mbar
UV index: 0
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C