Romania. Il Ministro degli Esteri Melescanu incontra il Segretario dell’Organizzazione internazionale della francofonia

Romania. Il Ministro degli Esteri Melescanu incontra il Segretario dell’Organizzazione internazionale della francofonia

K metro 0 – Bucarest – Teodor Melescanu, ministro degli Esteri della Romania, ha incontrato il segretario generale dell’Organizzazione internazionale della francofonia (Oif), Louise Mushikiwabo, in visita ufficiale a Bucarest. Durante la visita, il segretario generale Oif ha partecipato ad un evento dedicato alla Giornata internazionale della Francofonia organizzato al Palazzo Cotroceni. Durante la conferenza

K metro 0 – Bucarest – Teodor Melescanu, ministro degli Esteri della Romania, ha incontrato il segretario generale dell’Organizzazione internazionale della francofonia (Oif), Louise Mushikiwabo, in visita ufficiale a Bucarest. Durante la visita, il segretario generale Oif ha partecipato ad un evento dedicato alla Giornata internazionale della Francofonia organizzato al Palazzo Cotroceni.

Durante la conferenza internazionale intitolata “Costruire la resilienza ai disastri naturali”, organizzata dal Ministero degli Affari Esteri (MAE) e l’Ispettorato generale per le situazioni di emergenza, nel contesto in cui la Romania detiene la presidenza di turno presso il Consiglio dell’Unione europea, Louise Mushikiwabo ha posto l’attenzione sui cambiamenti climatici, sottolineando come questi abbiano un impatto universale e che la comunità francofona non può restare indifferente.

Mushiwabo, che oltre a essere il Segretario generale Oif ricopre anche la carica di Ministro degli Esteri del Ruanda, ha ricordato alla conferenza organizzata al Palazzo del Parlamento a Bucarest che il suo paese ha già visto gli effetti causati da disastri naturali e ha fornito come esempio le inondazioni e le calde estati, che sono tutti fenomeni associati al cambiamento climatico. Ha detto che tali fenomeni hanno colpito numerosi paesi francofoni, incluso il suo paese, che fino a qualche tempo fa aveva un clima prevedibile, stabile, e negli anni passati è stato colpito da numerose catastrofi naturali che hanno a che fare con il cambiamento climatico.

Il Segretario generale Oif ha anche messo in luce il fenomeno della desertificazione, altro effetto dei cambiamenti climatici antropici e ha richiamato l’attenzione sulla necessità di adottare misure urgenti per limitare l’aumento delle temperature globali a 1,5 gradi Celsius, obiettivo che era incluso nel piano d’azione dell’accordo di Parigi. Secondo la sua opinione, la desertificazione non è più soltanto un problema dell’Africa settentrionale, ma ha iniziato a coprire altre regioni, tra cui il sud della Romania; non solo i paesi sviluppati nell’area francofona sono colpiti dai cambiamenti climatici, ma anche gli stati insulari in via di sviluppo, ha specificato il funzionario, come Vanuatu, Dominica o Burkina Faso.

Il ministro degli Esteri romeno, Melescanu, ha detto ieri che la Romania sosterrà il Consiglio di Sicurezza nella lotta al cambiamento climatico. “La Romania è tradizionalmente un paese impegnato in un efficace multilateralismo con le Nazioni Unite, (…) e ha chiesto l’adesione non permanente al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite alle elezioni che si terranno a giugno. Se eletto, la Romania diventerà un potente sostenitore di un ruolo più importante nel Consiglio di sicurezza nella lotta contro il cambiamento climatico in modo integrato e assumeremo responsabilità negli sforzi volti a migliorare l’efficienza del Consiglio in questo settore “: queste le parole del ministro.

“La domanda è: stiamo facendo abbastanza per prevenire questi disturbi irreversibili e catastrofici causati dal clima? Sono convinto che dovremmo sostenere insieme questa responsabilità e combattere le cause di questo fenomeno, che siamo grandi o piccoli, ricchi o poveri, forti o deboli, su un’isola o in un paese circondato da altri paesi e senza uscita sul mare , che abbiamo più o meno influenza, dovremmo tutti avere questa lotta e impegnarci nella lotta contro questi fenomeni andando oltre le buone intenzioni e i discorsi emotivi”, ha continuato Melescanu, durante la Conferenza, aggiungendo che “la lotta contro le minacce globali ci impone di dimostrare una forte volontà politica, di essere consapevoli, sia internamente che multi lateralmente, dato che è necessario uno sforzo collettivo”. Il Ministro ha anche sottolineato che è necessario uno sforzo unitario da parte delle Nazioni Unite.

Posts Carousel

Posta commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Rome
20°
Clear
06:4119:35 CEST
Feels like: 20°C
Wind: 3km/h E
Humidity: 80%
Pressure: 1013.6mbar
UV index: 0
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C