Cento anni fa finiva la Prima guerra mondiale

Cento anni fa finiva la Prima guerra mondiale

K metro 0 – Parigi – Solenni sono state le commemorazioni domenica 11 novembre a Parigi per il centenario della Prima Guerra mondiale. Accanto al presidente francese Emmanuel Macron circa 72 capi di stato e di governo hanno assistito alla cerimonia sotto l’Arco di Trionfo, a cui è seguito un discorso del presidente francese e

Condividi:

K metro 0 – Parigi – Solenni sono state le commemorazioni domenica 11 novembre a Parigi per il centenario della Prima Guerra mondiale. Accanto al presidente francese Emmanuel Macron circa 72 capi di stato e di governo hanno assistito alla cerimonia sotto l’Arco di Trionfo, a cui è seguito un discorso del presidente francese e il pranzo all’Eliseo. Tra gli ospiti anche il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker che in una nota da Bruxelles, ha scritto: “L’Unione europea è garante di pace. Cerchiamo di essere felici per il fatto di vivere in un continente che conosce la pace grazie all’Unione europea aveva detto Juncker”. Nel suo discorso sullo stato dell’Unione a settembre, dopo aver fatto riferimento alla Prima Guerra mondiale. Juncker aveva esortato a “Rispettare di più l’Ue, a non sporcare la sua immagine, a difende il nostro modo di essere e di vivere”.  Juncker aveva ricordato “Il patto fondativo dell’Unione europea, mai più la guerra” e lo aveva definito “un’esigenza pressante ancora attuale, che implica un pressante obbligo a vigilare per noi e intorno a noi”.

Emmanuel Macron e Angela Merkel si sono incontrati sabato 10 novembre nella radura dell’armistizio di Compiègne, nell’Oise, a nord della capitale. Il Presidente ed il Cancelliere si sono riuniti nella radura di Rethondes per una cerimonia molto simbolica, la penultima tappa del ‘Roaming memoriale’ del capo dello Stato prima della cerimonia del 11 novembre a Parigi.

Lì, in Francia, a Compiègne, l’11 novembre 1918 fu firmato in un ristorante-carro l’armistizio che suggellò la fine della Prima guerra mondiale, causando 18 milioni di morti. Nascosto nella foresta di Compiègne, la compensazione di Rethondes era stato scelto dal capo degli eserciti alleati, Ferdinand Foch, per ospitare i negoziati in una zona calma ed isolata. Si trova alla fine di un ‘vicolo trionfale’ inaugurato nel 1922, che i presidenti francesi salgono durante le cerimonie commemorative.

La ‘macchina Armistizio’ in cui Adolf Hitler aveva anche firmato l’armistizio del 22 giugno 1940, è stato spazzato via dai tedeschi e utilizzata per scopi di propaganda, prima di essere distrutto nell’aprile del 1945. Una replica di carro è stata installata dal 1962 in un edificio del museo che attrae 70.000 visitatori all’anno.

L’Elysee Palace ha fatto notare che “questa è la prima volta dal 1945” che il presidente francese e il capo del governo tedesco si incontrano nella radura dell’Armistizio. “È un viaggio altamente simbolico, è il primo viaggio franco-tedesco” sul sito dalla Seconda guerra mondiale.

Compiegne, “questo è il luogo della vendetta, sarà il luogo della riconciliazione finale, se necessario”, aggiunge la stessa fonte. “Non siamo in cancelliere Helmut Kohl e il presidente Mitterrand,”vogliamo credere nel palazzo, che era apparso mano nella mano nel 1984 a Verdun.

Dopo una revisione delle truppe della brigata franco-tedesca, la rivelazione di una targa commemorativa e la posa di una ghirlanda comune, i due leader firmarono il libro degli ospiti nel carro dove fu firmato l’armistizio. dell’11 novembre 1918 poi del 22 giugno 1940.

La cerimonia era intesa “sobria e senza parole”, secondo una fonte vicina all’organizzazione della cerimonia. Nonostante l’assenza di discorsi ufficiali, il presidente francese e il cancelliere tedesco hanno discusso con un gruppo di giovani. Il signor Macron ha detto loro della necessità, secondo lui, di essere “all’altezza” di ciò che i contemporanei della Grande Guerra proclamarono: “Mai più! ” .

“Non dobbiamo dare nulla alle tristi passioni, alle tentazioni della divisione” ha detto il presidente francese, ripetendo il suo messaggio politico per una maggiore cooperazione in un’Europa in cui gli elettori si rivolgono sempre più verso correnti ostili all’integrazione europea.

I due leader si sono incontrati nuovamente domenica per la cerimonia tradizionale dell’11 novembre sotto l’Arco di Trionfo a Parigi alla presenza di settantadue capi di stato e di governo, tra cui Vladimir Putin e Donald Trump. Il Cancelliere tedesco ha aperto nel pomeriggio la prima edizione del “Forum per la pace”, “un gesto simbolico che riflette la riconciliazione e l’amicizia franco-tedesca”, e che verrà ripetuto ogni anno.

La sera prima, Macron, Trump, Merkel e molti altri dignitari si sono incontrati al Musée d’Orsay di Parigi, per una visita alla mostra dedicata a Picasso e una cena formale in loco, prima della grande cerimonia di domenica mattina sotto l’Arc de Triomphe alla presenza di diverse decine di capi di stato e di governo, culmine delle commemorazioni.

Donald Trump ed Emmanuel Macron si sono presentati davanti alle telecamere dell’Eliseo sabato 10 novembre alle 11 in punto. Il presidente francese ha accolto favorevolmente Donald Trump a Parigi, optando per un tono risolutamente conciliatore sulla delicata questione della difesa europea sulla scia di un tweet molto aggressivo del presidente americano.

“Dobbiamo condividere meglio il peso all’interno della NATO”, ha detto Emmanuel Macron dall’inizio dell’intervista all’Eliseo.

Il presidente francese nel centenario dell’armistizio tra Francia e Germania ha anche detto: “Celebriamo l’amicizia tra i nostri popoli, i nostri eserciti e la straordinaria solidarietà che abbiamo avuto tra i nostri più vecchi alleati”.

Al suo fianco, il presidente degli Stati Uniti ha elogiato la relazione “amichevole” con la sua controparte francese. “Abbiamo molte cose in comune in molti modi, forse alcune persone pensano il contrario ma no, condividiamo molte cose”, ha detto. Ovviamente ansioso di disinnescare le polemiche, i due uomini hanno insistito sul loro stretto legame: “Siamo diventati ottimi amici nel corso degli anni”, ha assicurato Donald Trump.

“L’esercito europeo” sostenuto da Emmanuel Macron non si rivolge agli Stati Uniti, ha detto la Presidenza francese, riferendosi a una “confusione” nell’interpretazione delle parole del presidente francese che ha scatenato la furia di Donald Trump. “Capisco che la sequenza di argomenti nel colloquio [su Europa 1] possa essere fonte di confusione, ma ci sono due argomenti diversi, il trattato sulle armi nucleari a raggio intermedio (INF) e questo argomento. una forza di difesa degli europei dove ci sono lavori in corso “, ha detto sabato la presidenza francese alla stampa.

Appena arrivato a Parigi, poche ore prima, il presidente americano aveva attaccato la sua controparte francese. Donald Trump aveva denunciato, venerdì 9 novembre in serata, le parole “molto offensive” pronunciate sulla creazione di un esercito europeo.

Nel suo Tweet, il presidente degli Stati Uniti, a quanto pare, si riferiva alle dichiarazioni di Macron che ha parlato della creazione di un “vero e proprio esercito europeo” per proteggere meglio il continente.

“Non proteggeremo gli europei se non decidiamo di avere un vero esercito europeo”, ha poi esortato il presidente francese. Dobbiamo “proteggerci contro la Cina, la Russia e persino gli Stati Uniti”, ha detto, riferendosi alla decisione statunitense di ritirarsi da un trattato sul disarmo nucleare risalente agli anni ’80. Per il momento non esiste un esercito europeo sovranazionale. Il soggetto, ricorrente, rimane minato perché tocca al cuore la sovranità degli Stati membri.

Gran parte dell’Europa è stata protetta dallo scudo americano dal dopoguerra, senza pagare un prezzo soddisfacente per Donald Trump. Dalla sua elezione, Emmanuel Macron ha sostenuto un rafforzamento europeo della difesa, la Francia ha presentato proprio l’incertezza strategica causata dalle posizioni del presidente americano.

Questa è la seconda visita del presidente americano in Francia dal suo arrivo alla Casa Bianca, dopo quello del 14 luglio 2017, che ricorda regolarmente con grande entusiasmo.

Al momento di lasciare la Casa Bianca, Donald Trump aveva optato per un tono molto più conciliante. “Sarà un momento meraviglioso”, ha predetto. “Ci saranno molti paesi”, ha aggiunto, assicurando che l’annuncio della sua presenza aveva spinto molti altri leader a fare il viaggio.

Dopo l’incontro tra Donald Trump ed Emmanuel Macron, le due coppie presidenziali hanno pranzato insieme all’Elysee Palace prima di separarsi per il pomeriggio.

 “Il patriottismo è l’esatto contrario del nazionalismo e dell’egoismo”: lo ha detto il presidente della repubblica francese, Emmanuel Macron, nel discorso di poco meno di un quarto d’ora pronunciato davanti a 72 capi di stato e di governo invitati a Parigi per il centenario dell’Armistizio.

Poi, Macron, ha proseguito il suo discorso sotto la pioggia, visibilmente emozionato: “L’11 novembre, esattamente 100 anni fa, a Parigi, come ovunque in Francia, fu armistizio. Era la fine di quattro lunghi e terribili anni. Per quattro anni, l’Europa rischiò di suicidarsi. La lezione della Grande Guerra non può essere quella del rancore di un popolo contro gli altri”.

Macron, invocando una maggior cooperazione internazionale, ha stigmatizzato: “Sommiamo insieme le nostre speranze invece di opporre una all’altra le nostre paure”. Rivolgendosi ai capi di stato, concludendo, ha detto: “Viva la pace, viva l’amicizia fra i popoli, viva la Francia”.

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha affermato di aver avuto un ‘buon’ colloquio con il suo omologo americano, Donald Trump, oggi a Parigi, a margine delle commemorazioni della fine della Grande guerra. ‘Sì’ ha risposto Putin a un giornalista che gli chiedeva se fosse riuscito a parlare con Trump, stando all’agenzia di stampa russa Ria Novosti citata dai media francesi. ‘Buono’, ha aggiunto il capo del Cremlino richiesto di un giudizio sulla qualità del colloquio avuto.

Piccolo incidente al passaggio dell’auto di Donald Trump sugli Champs-Elysees, diretta all’Arco di Trionfo per la commemorazione del centenario della firma dell’armistizio: una dimostrante del gruppo Femen ha scavalcato le barriere con un cartello sul quale era scritto “falsi pacificatori” ed è stata subito bloccata dai gendarmi. Contemporaneamente, si sono uditi alcuni fischi dal pubblico dietro le transenne in direzione della Cadillac One del presidente americano.

La cancelliera tedesca Angela Merkel, in apertura del Forum della Pace a Parigi, ha detto: “Il progetto europeo di pace nato dopo il 1945 è minacciato dall’ascesa del nazionalismo e del populismo. Vediamo chiaramente che la cooperazione internazionale, un equilibrio pacifico fra gli interessi degli uni e degli altri e anche il progetto europeo di pace sono di nuovo rimessi in discussione”. Dopo la Merkel al ‘Forum della Pace’ ha parlato il Segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres.

Anche il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, ha partecipato alle celebrazioni.

Il presidente della Repubblica italiana, il quattro novembre scorso, da Trieste, a cento anni dalla fine della Grande guerra tra Italia ed Austria, ha detto: “Bisogna ribadire con forza tutti insieme che alla strada della guerra si preferisce coltivare amicizia e collaborazione, che hanno trovato la più alta espressione nella storica scelta di condividere il futuro nella Unione europea. Lo scoppio della guerra nel 1914 sancì in misura fallimentare l’incapacità delle classi dirigenti europee di allora di comporre aspirazioni e interessi in modo pacifico anziché cedere alle lusinghe di un nazionalismo aggressivo”.

Un richiamo alle ragioni dell’Europa è ricorrente nei discorsi del presidente Sergio Mattarella, tanto più evocativo in settimane di scontro del governo con Bruxelles sul tema dei conti pubblici e della manovra. E in tempi di nazionalismo declinato sotto la categoria di sovranismo. In un altro passaggio del discorso di Mattarella, dedicato ai diritti umani e alle minoranze, ha affermato:” La Costituzione Italiana, nata dalla Resistenza, ripudia la guerra come strumento di risoluzione delle controversie; privilegia la pace, la collaborazione internazionale, il rispetto dei diritti umani e delle minoranze”.

 

di Salvatore Rondello

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: