Weber candidato del PPE alla commissione

Weber candidato del PPE alla commissione

K metro 0 – Bruxelles – Nonostante la sua affabilità e il suo prezioso curriculum, l’ex primo ministro finlandese Alex Stubb non aveva molte possibilità di successo  giovedì 8 novembre a Helsinki. Manfred Weber, il bavarese di 46 anni, discreto e poco carismatico, ma molto apprezzato dai delegati e perfetto conoscitore degli arcani di Bruxelles,

Condividi:

K metro 0 – Bruxelles – Nonostante la sua affabilità e il suo prezioso curriculum, l’ex primo ministro finlandese Alex Stubb non aveva molte possibilità di successo  giovedì 8 novembre a Helsinki.

Manfred Weber, il bavarese di 46 anni, discreto e poco carismatico, ma molto apprezzato dai delegati e perfetto conoscitore degli arcani di Bruxelles,  è stato eletto dall’80% dei votanti presenti ad Helsinki nel Congresso del PPE.

Il tedesco, eletto dalla CSU, ma considerato moderato in questa formazione di estrema destra, è stato il leader del PPE nel Parlamento di Strasburgo dal 2014. Tuttavia, non ha mai lavorato in un governo, ma la sua conoscenza dei partiti conservatori, anche i più piccoli, nell’est e nel nord dell’Unione, la sua semplicità e il suo messaggio di vicinanza ai cittadini, hanno visibilmente convinto. Come la priorità data alla “lotta contro l’immigrazione clandestina: il PPE deve essere il partito di un rigoroso controllo alle frontiere”.

Manfred Weber ha ricevuto l’approvazione  del cancelliere tedesco, Angela Merkel, dalla fine di agosto, e si è guadagnato il sostegno di quasi tutti i leader del PPE nelle ultime settimane, Laurent Wauquiez, capo dei repubblicani, è stato tra gli ultimi a seguirlo. L’identità cristiana è molto forte in quest’uomo politico, molto attaccato alla sua terra bavarese, che non ha esitato a salire sul palco facendo il segno della croce. Durante il suo ultimo discorso prima delle votazioni, ha ripetuto almeno venti volte la seguente frase: “Siamo orgogliosi di questi valori e li difenderemo, noi siamo democristiani”.

Weber dovrà incarnare il partito paneuropeo per le elezioni del maggio 2019. Tra i suoi obiettivi dovrà garantire che la sua formazione, la più rappresentativa nelle istituzioni, non perda troppi consensi contro i partiti populisti. Dovrà mantenere la sua unità  e riuscire a sostituire, alla fine delle elezioni di maggio, “il suo amico” Jean-Claude Juncker come presidente della Commissione.

Giovedì, i leader del PPE speravano di chiudere la ‘parentesi Orban, ma gli eccessi illiberali del Primo Ministro ungherese hanno creato un forte disagio all’interno del partito.  Il 12 settembre scorso, in uno storico voto al Parlamento europeo, più della metà dei membri conservatori eletti ha votato per avviare una procedura per la violazione dello stato di diritto in Ungheria.

Da allora, l’influente presidente del PPE Joseph Daul ha lavorato duramente per ricostruire l’unità, benchè Orban non ha abbandonato il suo pacchetto “Stop Soros”, giudicato dal Parlamento europeo come pericoloso per le libertà civili. La Central European University, un’istituzione rispettata a Budapest fondata dal miliardario Georges Soros, che è diventata la bestia nera di Orban, sta per trasferirsi a Vienna. A Helsinki, i delegati hanno votato una risoluzione di ‘stato di diritto’ molto generica. Il signor Orban ha evitato qualsiasi provocazione, solo per rendere omaggio a Helmut Kohl, la figura tutelare del PPE, che è morto il 16 giugno 2017, ha detto:“l’uomo che sapeva che in una famiglia, potremmo non essere d’accordo ma siamo sempre uniti”.

Ma il polacco Donald Tusk, il presidente del Consiglio europeo, ha replicato insistendo sul fatto che “non sei un cristiano democratico se non rispetti l’indipendenza giudiziaria, la democrazia liberale e le ONG” . Una critica diretta alla politica di Mr. Orban. La Cancelliera Merkel, applauditissima, ha anche insistito sull’immagine “cristiana dell’uomo”, ma che, secondo lei, implica il rispetto “della democrazia, della libertà di opinione, della stampa, di ricerca” .

Il PPE  non starebbe peggio del suo ex partner di coalizione a Strasburgo, il Partito dei socialisti europei, ma secondo le ultime proiezioni non ufficiali, potrebbe perdere fino a cinquanta seggi nella Camera europea.  Secondo il quotidiano europeo Contexte, il PPE otterrebbe solo 167 seggi, contro gli attuali 215 seggi.

Il CDU, il pilastro del PPE, è in calo in tutte le elezioni regionali in Germania. Anche in Italia e in Spagna, in questi grandi paesi che tradizionalmente hanno inviato forti delegazioni conservatrici a Strasburgo,  le forze popolari sono in netto calo. In Francia, i repubblicani hanno paura di perdere un terzo delle loro truppe e potrebbero ottenere solo una dozzina di deputati a maggio.

Se queste previsioni fossero  confermate, le possibilità del signor Weber di succedere a Mr. Juncker  potrebbero non realizzarsi.

 

di Salvatore Rondello

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: