Mobilità pulita per un’aria più pulita: nuovi laboratori per le emissioni di proprietà della Commissione

Mobilità pulita per un’aria più pulita: nuovi laboratori per le emissioni di proprietà della Commissione

K metro 0 – Bruxelles – In seguito all’adozione del nuovo regolamento UE sull’omologazione degli autoveicoli, la Commissione sta investendo in due impianti di prova delle emissioni supplementari, denominati VELA (Vehicle Emissions Laboratories), che saranno gestiti dal Centro comune di ricerca della Commissione (CCR). L’aria pulita è una delle massime priorità della Commissione, come ricordato nella

Condividi:

K metro 0 – Bruxelles – In seguito all’adozione del nuovo regolamento UE sull’omologazione degli autoveicoli, la Commissione sta investendo in due impianti di prova delle emissioni supplementari, denominati VELA (Vehicle Emissions Laboratories), che saranno gestiti dal Centro comune di ricerca della Commissione (CCR). L’aria pulita è una delle massime priorità della Commissione, come ricordato nella comunicazione Clean Air For All a maggio. Garantire che le emissioni delle automobili vengano misurate accuratamente è una delle più svariate misure che possono essere utilizzate per raggiungere il nostro obiettivo.

In seguito alla consultazione delle parti interessate e all’adozione ufficiale a livello UE, nel 2017 sono diventate obbligatorie nuove e più accurate prove di emissione. L’UE ha anche rinnovato l’omologazione delle auto e il quadro di vigilanza del mercato, che sarà applicabile a partire da settembre 2020. Come previsto, la Commissione ha aggiunto due laboratori VELA agli attuali quattro per poter effettuare controlli di mercato sulle autovetture, indipendentemente dagli Stati membri. I due nuovi laboratori saranno pronti a febbraio 2019 e dovrebbero iniziare nel 2020 per testare le auto in laboratorio (WLTP) e nelle situazioni di guida reale (RDE). Le nuove norme di omologazione consentiranno alla Commissione di agire direttamente con un richiamo a livello UE di veicoli non conformi. Al momento questa è la responsabilità degli Stati membri e dei tassi di richiamo, che La Commissione pubblica regolarmente. Ieri, il Consiglio Ambiente ha discusso la questione correlata dei problemi di qualità dell’aria e delle auto Diesel di seconda mano.

Il commissario responsabile per l’ambiente Karmenu Vella ha rappresentato la Commissione e ha sottolineato che “i prezzi delle autovetture diesel usate diminuiscono e questo rende alcune persone felici, ma molti altri soffrono di cattiva qualità dell’aria. Non possiamo permettere di spostare i problemi locali di qualità dell’aria dall’Occidente a Est, all’interno dell’Unione esportando auto inquinanti diesel “. Un articolo web sulle strutture di test VELA è disponibile online.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: