Il trattato del Consiglio d’Europa che rafforza la protezione dei dati è aperto alla firma

Il trattato del Consiglio d’Europa che rafforza la protezione dei dati è aperto alla firma

K metro 0 – Strasburgo – Ventuno Stati hanno firmato oggi un trattato del Consiglio d’Europa volto a rafforzare i principi e le norme per la protezione dei dati personali a livello internazionale. Il trattato, un protocollo di modifica , aggiorna la Convenzione del Consiglio d’Europa per la protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato di dati personali , nota anche

Condividi:

K metro 0 – Strasburgo – Ventuno Stati hanno firmato oggi un trattato del Consiglio d’Europa volto a rafforzare i principi e le norme per la protezione dei dati personali a livello internazionale.

Il trattato, un protocollo di modifica , aggiorna la Convenzione del Consiglio d’Europa per la protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato di dati personali , nota anche come “Convenzione 108”, l’unico trattato internazionale esistente che riguarda il diritto dei singoli alla protezione dei loro dati personali.

Il protocollo è stato firmato durante una cerimonia a Strasburgo da 20 stati membri del Consiglio d’Europa – Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Monaco, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Russia, Spagna, Svezia e Regno Unito – e dall’Uruguay, uno dei sei Stati non europei che hanno finora aderito alla “Convenzione 108”.

Il Segretario generale Thorbjørn Jagland ha dichiarato: “La convenzione modernizzata consentirà agli Stati di condividere un solido insieme di principi e regole per proteggere i dati personali, e fornirà un forum unico per la cooperazione in questo campo a livello globale. Gli Stati parti della “Convenzione 108” dovrebbero firmare e ratificare il protocollo in modo che possa entrare in vigore il più presto possibile. “

Il protocollo rafforza i principi di protezione dei dati della “Convenzione 108” e include ulteriori salvaguardie per affrontare le sfide alla protezione dei dati personali apportate dalle nuove tecnologie e pratiche. Inoltre, amplia il ruolo del comitato della Convenzione, che controllerà che le Parti applichino efficacemente le disposizioni del trattato aggiornato.

La convenzione modernizzata , che gli esperti di protezione dei dati si riferiscono alla “Convenzione 108+”, mira a garantire che il trasferimento di dati personali attraverso le frontiere avvenga con adeguate garanzie e che sia compatibile con i quadri normativi in ​​tutto il mondo, compreso il Legislazione dell’Unione. Il trattato riveduto offre anche la possibilità di adesione da parte dell’Unione europea e organizzazioni internazionali.

Di seguito riportiamo alcune innovazioni contenute nel protocollo:

Requisiti più rigorosi in materia di proporzionalità e principi di minimizzazione dei dati e legittimità del trattamento

Estensione dei tipi di dati sensibili, che ora includeranno dati genetici e biometrici, appartenenza sindacale e origine etnica.

Obbligo di dichiarare violazioni dei dati

Maggiore trasparenza nell’elaborazione dei dati

Nuovi diritti per le persone in un contesto decisionale algoritmico, che sono particolarmente rilevanti in relazione allo sviluppo dell’intelligenza artificiale

Maggiore responsabilità dei responsabili del trattamento dei dati

Necessità dell’applicazione del principio “privacy by design”

Applicazione dei principi di protezione dei dati a tutte le attività di trattamento, anche per ragioni di sicurezza nazionale, con eventuali eccezioni e restrizioni soggette alle condizioni stabilite dalla Convenzione e, in ogni caso, con una revisione e supervisione indipendente ed efficace

Regime chiaro dei flussi di dati transfrontalieri

Poteri rafforzati e indipendenza delle autorità di protezione dei dati e rafforzamento della base giuridica per la cooperazione internazionale.

***

Aperta alla firma nel 1981, la Convenzione per la protezione delle persone con riguardo al trattamento automatizzato di dati personali ha attualmente 53 Stati parte: i 47 stati membri del Consiglio d’Europa, Cabo Verde, Mauritius, Messico, Senegal, Tunisia e Uruguay. Altri tre paesi – Argentina, Burkina Faso e Marocco – sono stati invitati ad aderire al trattato. Molti altri paesi l’hanno usato come modello per la nuova legislazione sulla protezione dei dati e partecipano in qualità di osservatori al Comitato della Convenzione, che riunisce circa 70 paesi in totale.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: