Croazia: il rapporto della Commissione anti-tortura sulla polizia, le carceri e la psichiatria produce risultati contrastanti

Croazia: il rapporto della Commissione anti-tortura sulla polizia, le carceri e la psichiatria produce risultati contrastanti

K metro 0 – Strasburgo – In un nuovo rapporto pubblicato all’inizio di ottobre, con la risposta delle autorità croate, il Comitato per la prevenzione della tortura, le pene o trattamenti inumani o degradanti ( CPT ) del Consiglio d’Europa, rileva che la maggior parte delle persone detenute dalla polizia era stata trattata correttamente, ma le accuse di maltrattamenti sono state ricevute

Condividi:

K metro 0 – Strasburgo – In un nuovo rapporto pubblicato all’inizio di ottobre, con la risposta delle autorità croate, il Comitato per la prevenzione della tortura, le pene o trattamenti inumani o degradanti ( CPT ) del Consiglio d’Europa, rileva che la maggior parte delle persone detenute dalla polizia era stata trattata correttamente, ma le accuse di maltrattamenti sono state ricevute al momento dell’arresto o durante l’interrogatorio cui sono state sottoposte da parte della polizia (si veda anche il sommario esecutivo del rapporto).

Sulla base di una visita in Croazia nel marzo dell’anno scorso, il rapporto valuta le condizioni dei detenuti in tre prigioni della contea (ad esempio Zagabria, Spalato e Osijek) e nell’Ospedale della prigione di Zagabria. Include anche il trattamento dei minori, privati ​​della libertà, in base alla legislazione penale. Il trattamento di pazienti psichiatrici involontari è esaminato alla luce della legislazione sulla salute mentale, adottata di recente in diversi istituti psichiatrici.

Il CPT ribadisce che i poliziotti dovrebbero capire chiaramente che il maltrattamento fisico alle persone detenute è inaccettabile e che le autorità croate dovrebbero garantire che tutte le accuse di maltrattamenti vengano effettivamente controllate e che, sanzioni appropriate siano imposte a quei poliziotti giudicati colpevoli.

Mentre il rapporto apprezza gli sforzi compiuti dalle autorità croate per ridurre il sovraffollamento delle carceri, dovrebbero essere compiuti sforzi continui per garantire che ogni prigioniero disponga di almeno 4 m² di spazio vitale, ciascuno in celle ad occupazione multipla. Il CPT è particolarmente critico nei confronti delle eccessive restrizioni imposte ai detenuti in custodia cautelare e agli autori di reati minori, che continuano a trascorrere fino a 23 ore rinchiusi in celle di dimensioni inferiori alla norma, senza accesso ad attività mirate. Dovrebbero essere introdotte anche alternative alla detenzione per reati minori. Diverse raccomandazioni vengono avanzate al fine di migliorare le condizioni di detenzione riscontrate all’interno delle prigioni visitate.

La maggior parte dei prigionieri ha riferito che è stato trattato bene dal personale, ma, allo stesso tempo, sono state ricevute anche alcune accuse di maltrattamenti fisici. Il rapporto fa riferimento a frequenti episodi di violenza tra detenuti, che comportano lesioni fisiche a volte gravi.

La relazione evidenzia inoltre gli impedimenti giuridici che ostacolano l’accesso all’assistenza sanitaria nelle carceri, in termini di mancanza di accreditamento dei medici penitenziari, presso il Fondo di Assicurazione Sanitaria croato (HZZO). Sono richiesti miglioramenti nella riservatezza delle visite mediche dei detenuti, una descrizione e segnalazione accurata degli infortuni rilevati sulle persone detenute dopo l’entrata in carcere, e il trattamento dei detenuti che soffrono di disturbi mentali e di tossicodipendenza. Il rapporto è particolarmente critico sulla mancanza di psichiatri ed infermieri, e sul limitato spazio abitativo, nonché sulla mancanza di strutture sanitarie integrali nelle stanze dei pazienti dell’ospedale nella prigione di Zagabria.

La relazione rileva che i minori detenuti nel centro di correzione di Turopolije erano generalmente ben trattati e godevano anche di una buona gamma di attività educative, professionali e ricreative. Tuttavia, il CPT è critico nei confronti di una pratica di isolamento per minori per periodi fino a sette giorni, come punizione disciplinare e di una procedura di reclami inefficace.

Il Ministero della giustizia croato risponde dettagliatamente alle raccomandazioni del CPT e propone misure specifiche per affrontarle in uno spirito positivo e costruttivo. Ad esempio, sarà sviluppata una vasta gamma di attività mirate per i detenuti, sia quelli condannati che quelli detenuti in custodia cautelare, e sarà risolto lo status dei medici carcerari all’interno del sistema sanitario nazionale.

Per quanto riguarda le tre istituzioni psichiatriche visitate, la mancanza di uno spazio vitale e l’accesso al cortile per i pazienti dell’ospedale psichiatrico per bambini e adolescenti di Zagabria, rappresentano una preoccupazione particolare. Il rapporto critica la prescrizione di farmaci e la somministrazione di una terapia elettroconvulsiva di fronte ad altri pazienti, ma anche l’assenza di registrazione dell’uso di mezzi di contenzione. Il rapporto analizza la legislazione sulla salute mentale adottata di recente e solleva alcune preoccupazioni sullo status giuridico dei pazienti psichiatrici alla luce di questa stessa legislazione.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: