Il nuovo governo dell’Armenia dovrebbe porre i diritti umani al centro delle sue politiche

Il nuovo governo dell’Armenia dovrebbe porre i diritti umani al centro delle sue politiche

K metro 0 – Strasburgo – “Il pacifico trasferimento di potere in Armenia avvenuto a maggio 2018 è stato notevole. Tuttavia, vi sono grandi aspettative popolari di miglioramenti tangibili nella vita delle persone e il governo dovrebbe dedicare la sua attenzione alla difesa dei diritti a lungo negati delle persone più vulnerabili”, ha dichiarato Dunja Mijatović,

Condividi:

K metro 0 – Strasburgo – “Il pacifico trasferimento di potere in Armenia avvenuto a maggio 2018 è stato notevole. Tuttavia, vi sono grandi aspettative popolari di miglioramenti tangibili nella vita delle persone e il governo dovrebbe dedicare la sua attenzione alla difesa dei diritti a lungo negati delle persone più vulnerabili”, ha dichiarato Dunja Mijatović, Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, al termine di una visita in Armenia effettuata dal 15 al 20 settembre e incentrata sui diritti delle donne, sull’uguaglianza di genere e la violenza domestica, sui diritti umani di diversi gruppi svantaggiati e vulnerabili, nonché su questioni relative alla responsabilità delle passate violazioni dei diritti umani.

Mijatović ha dedicato attenzione ai diritti delle donne e alla loro partecipazione politica: “La partecipazione delle donne alla vita pubblica armena dovrebbe essere promossa con più efficacia, soprattutto ai più alti livelli decisionali e a livello locale, dove risulta particolarmente bassa”. Misure temporanee speciali, come le quote obbligatorie, possono contribuire a creare condizioni eque per le donne e per gli uomini e il Commissario raccomanda di perseguire obiettivi concreti e ambiziosi per la partecipazione delle donne, anche alle elezioni locali. “Le autorità dovrebbero inoltre fare di più per incoraggiare le donne e le ragazze a impegnarsi attivamente nella vita politica, promuovere esempi e sostenitori – sia uomini che donne – dell’uguaglianza delle donne, nonché favorire un ambiente educativo incentrato sulla parità di genere e privo di stereotipi discriminatori”, ha dichiarato Dunja Mijatović.

In merito alla questione dell’uguaglianza nel mondo del lavoro, il Commissario ritiene che l’Armenia debba adottare misure decisive per garantire parità di retribuzione e parità di accesso al mercato del lavoro per le donne, combattendo l’elevato divario retributivo di genere e abolendo l’elenco delle professioni dichiarate pericolose per le donne. L’Armenia dovrebbe inoltre agevolare il ritorno al lavoro delle donne dal congedo di maternità e rafforzare le attività del Consiglio sulla garanzia di pari diritti e pari opportunità per le donne e gli uomini sotto il primo ministro.

Il commissario ha accolto con favore l’adozione della “Legge sulla prevenzione della violenza all’interno della famiglia, la protezione delle vittime di violenza all’interno della famiglia e il ripristino della pace in famiglia” nel dicembre 2017, seguita dalla firma della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica. “Man mano che l’Armenia avanza verso la ratifica di tale Convenzione, dovrebbe guardare oltre gli standard e assicurarsi che la nuova legislazione nazionale venga applicata efficacemente non appena entrerà pienamente in vigore nel gennaio 2019”, ha affermato il Commissario, sottolineando la necessità per rafforzare ulteriormente le capacità e sensibilizzare gli operatori delle forze dell’ordine, gli investigatori, gli assistenti sociali,

Il commissario ha visitato l’unico centro di accoglienza per le vittime di violenza domestica in tutto il paese, che attualmente fornisce alloggio e assistenza a cinque donne con bambini, una situazione che chiaramente non è in grado di soddisfare le esigenze attuali. “Mi ha fatto piacere sapere che il governo intende aprire nuovi rifugi nel 2019. Penso che sia importante che non esistano solo a Erevan, ma anche in altre regioni e in aree remote”, ha affermato il commissario Mijatović, mentre sollecita le autorità armene prestare molta attenzione a garantire il diritto all’educazione dei bambini che soggiornano in tali rifugi.

Per quanto riguarda i diritti delle persone con disabilità, il commissario Mijatović si compiace degli sforzi compiuti dall’Armenia verso la deistituzionalizzazione. Tuttavia, sottolinea che il quadro giuridico che disciplina il sostegno statale alle persone con disabilità dovrebbe essere rivisto. “L’Armenia dovrebbe porre fine alla tutela plenaria per le persone con disabilità psicosociali. Dovrebbe muoversi verso l’introduzione di un regime per il processo decisionale supportato per tali persone. Il loro confinamento a grandi istituzioni statali non è assolutamente la strada giusta “, ha affermato il commissario. Ha trovato la piccola casa di cura in Spitak per fornire un ambiente più favorevole per l’empowerment individuale dei residenti e l’autosufficienza.

Riguardo all’educazione inclusiva per i bambini con disabilità, il commissario si congratula con il fermo impegno del governo a rendere l’istruzione inclusiva entro il 2025 e invita a perseverare nei suoi sforzi per raggiungere questo obiettivo. Raccomanda di prestare particolare attenzione a garantire un’educazione inclusiva a livello prescolastico (asilo nido) e di applicare la deistituzionalizzazione ai bambini con e senza disabilità.

Durante una visita alla casa di cura per bambini di Nork a Erevan, il Commissario è stato gratificato di osservare la qualità delle cure e della dedizione del suo personale, ma era preoccupato dalla presenza di molti bambini – con e senza disabilità – che erano stati temporaneamente confinati o completamente abbandonato dai genitori, spesso per motivi di indigenza. “Tutti i bambini hanno il diritto di crescere in una famiglia e né la disabilità né la povertà dovrebbero giustificare la loro collocazione nelle istituzioni”, ha affermato il Commissario, aggiungendo che “il governo dovrebbe – prima di tutto – stanziare risorse sufficienti per il sostegno della comunità ai genitori biologici che riprendono cura i loro figli e continua in parallelo a promuovere l’affido “. Inoltre,

Purtroppo, il Commissario ha rilevato che il livello di protezione sociale delle persone anziane in Armenia è ampiamente inadeguato. “Incoraggio le autorità armene a garantire la vita e il benessere dignitosi degli anziani attraverso una strategia globale, che dovrebbe dare priorità all’aumento dei benefici per la vecchiaia e sostenere il diritto alla vita degli anziani nella comunità e all’assistenza sanitaria a prezzi accessibili, anche per coloro che scelgono vivere in case di cura “, ha dichiarato il commissario Mijatović.

Per garantire che nessuno sia discriminato in alcun settore della vita pubblica e privata in Armenia, le autorità dovrebbero adottare prontamente una legge completa contro la discriminazione. Il governo dovrebbe anche assumere una posizione ferma contro l’incitamento all’odio e il crimine di odio contro le persone LGBT e assicurare che tutti questi incidenti siano debitamente condannati, indagati e perseguiti.

Riguardo all’eredità degli eventi violenti del marzo 2008, il Commissario accoglie favorevolmente le misure adottate dall’Armenia per stabilire finalmente la responsabilità per le dieci morti verificatesi in quel momento e chiudere questo doloroso capitolo della storia recente del paese. Tuttavia, sottolinea che “ciò dovrebbe essere fatto con attenzione e nel rigoroso rispetto dei principi di stato di diritto, indipendenza giudiziaria, trasparenza e garanzie di giusto processo, al fine di dissipare qualsiasi accusa di presunta politica di vendetta o di giustizia selettiva”.

“Mentre l’Armenia attraversa questo periodo di transizione importante, incoraggio tutti i politici e gli opinion leader a contribuire alla costruzione di una società coesa e ad esercitare un’attenzione speciale per evitare l’uso di un linguaggio polarizzante, stigmatizzante o infiammatorio nei loro discorsi pubblici”, ha concluso il commissario.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: