Germania, tensioni nel governo per lo scandalo degli 007. Merkel: il governo è solido e duraturo

Germania, tensioni nel governo per lo scandalo degli 007. Merkel: il governo è solido e duraturo

K metro 0 – Berlino – Il partito tedesco Spd aveva recentemente chiesto le dimissioni del presidente dei Servizi di sicurezza interna, Hans-Georg Maassen e molti esponenti politici tedeschi e giornalisti si erano chiesti quanto questo episodio avrebbe inciso sulla solidità del governo. A questo punto ieri la stessa Cancelliera Merkel si è sentita la

Condividi:

K metro 0 – Berlino – Il partito tedesco Spd aveva recentemente chiesto le dimissioni del presidente dei Servizi di sicurezza interna, Hans-Georg Maassen e molti esponenti politici tedeschi e giornalisti si erano chiesti quanto questo episodio avrebbe inciso sulla solidità del governo. A questo punto ieri la stessa Cancelliera Merkel si è sentita la responsabilità di dare alcune rassicurazioni al paese dichiarando: “Per quanto sia importante la posizione del presidente dei Servizi di sicurezza, è altrettanto chiaro che la coalizione non si romperà a causa di un ufficio subordinato”. Tutto nasce dal fatto che Hans-Georg Maassen, nei giorni scorsi è stato ascoltato in Commissione interni per le sue dichiarazioni sui fatti di Chemnitz. Hans-Georg Maassen aveva però incassato la solidarietà del ministro dell’Interno Horst Seehofer, leader della Csu. Seehofer, che ha affermato che il capo dell’intelligence “ha fornito una spiegazione convincente delle sue azioni” ad una commissione di legislatori mercoledì.

La crisi è esplosa quando Hans-Georg Maassen, capo dell’intelligence del BfV, ha affermato di non essere convinto che gli estremisti di estrema destra abbiano attaccato i migranti nella città orientale di Chemnitz il mese scorso e mostrando un video che dice che la violenza potrebbe essere falsa. Ciò ha messo in difficoltà Maassen con Merkel, che ha detto che le immagini “hanno rivelato chiaramente l’odio” e che non potevano essere tollerate. “Per un cancelliere più decisivo, sarebbe stato sufficiente licenziarlo”, ha detto Carsten Nickel alla società di consulenza politica Teneo Intelligence, aggiungendo che il sostegno a Maassen dai conservatori bavaresi alleati della Merkel strideva con le posizioni della Cancelliera. Ora, la Merkel è divisa tra il suo partito gemello bavarese, la Christian Social Union (CSU), che appoggia Maassen e l’altro suo partner di coalizione, i socialdemocratici di sinistra (SPD), che affermano di aver perso credibilità e vorrebbero andar via dal governo. La Cancelliera attualmente appare debole, la sua coalizione è in crisi e lei è meno in grado di affrontare questioni urgenti come Brexit, la riforma dell’Unione europea e problemi commerciali con gli Stati Uniti. “La questione migratoria continuerà sicuramente a perseguitare la Merkel fino alla fine del suo mandato”, ha dichiarato Nickel. “Maassen non è un caso isolato. Maassen fa parte della comunità della sicurezza “, ha detto Robin Alexander, autore di” Die Getriebenen “o” Those Driven by Events “, un resoconto di come Merkel e i suoi luogotenenti hanno gestito la crisi dei rifugiati. In privato, Maassen si è lamentato della difficoltà di tenere sotto controllo i rifugiati e di valutare se rappresentassero un rischio per la sicurezza. La sua causa ha avuto una spinta con le elezioni del 2017, quando l’alternativa anti-immigrazione per la Germania (AfD) è salita in parlamento per la prima volta e Merkel ha dovuto rimescolare il suo governo. Il capo della CSU Horst Seehofer, che aveva definito il “regno dell’ingiustizia” la gestione della crisi dei rifugiati da parte di Merkel, fu nominato ministro degli interni. Ha dato a Maassen una copertura politica per spingere la sua agenda sulla sicurezza, cosa che ha debitamente fatto. In un’intervista con Reuters a gennaio, Maassen, 55 anni, ha chiesto una revisione delle leggi che limitano la sorveglianza dei minori per proteggersi dai bambini dei combattenti dell’Isis che ritornano in Germania come “agenti dormienti” che potrebbero effettuare attacchi. Maassen si è scontrato anche con altri funzionari governativi più circospetti quando ha detto che la Russia è stata la probabile causa di attacchi informatici contro la Germania. Poi è arrivato Chemnitz. E questa volta, Maassen ha messo in discussione pubblicamente l’autenticità del video prima che la sua agenzia avesse terminato il suo lavoro sull’incidente. In una lettera del 10 settembre al ministero dell’Interno, pubblicata da Reuters, Chemnitz, Maassen ha detto che voleva far luce sugli eventi dopo che il premier di stato della Sassonia, dove si trova la città, ha negato che i migranti fossero stati braccati. Ma la lettera non è riuscita a contenere lo scandalo che ha anche riproposto domande sui legami di Maassen con l’AfD di estrema destra. Un ex leader dell’ala giovanile dell’AfD, Franziska Schreiber, ha scritto in un libro che ha pubblicato quest’anno – “Inside AfD: The report of a drop-out” – che Maassen aveva consigliato all’ex leader AfD Frauke Petry su come il partito poteva evitare essere messo sotto sorveglianza dalla sua agenzia. Gli esponenti della grande coalizione tedesca ora sperano che Maasen si dimetta entro qualche giorno. Tuttavia, la situazione potrebbe essere complicata se nella prossima riunione della CSU di sabato si sosterrà la decisione di Seehofer di sostenere Maassen e lui non si dimetterà, i leader della coalizione saranno sotto pressione per prendere una decisione martedì.

Questo periodo di incertezza politica in Germania deriva dal voto del 24 Settembre 2017 che ha visto l’impressionante incremento del partito di estrema destra Alternative für Deutschland (AfD), la sconfitta dell’SPD di Martin Shulz e l’indebolimento dell’Unione CDU/CSU e solo con la riproposizione del paradigma della grande coalizione con i socialdemocratici, Angela Merkel è riuscita ad insediarsi per la quarta volta.

Il governo tedesco è minacciato da una parte dall’avanzata del partito di estrema destra Alternative für Deutschland (AfD) che cerca di acquistare consensi grazie al tema dei migranti, ma i problemi principali del governo nascono in seno ai rapporti tra CDU e CSU bavarese. Seehofer, presidente della CSU dal 2008, specie in questi ultimi mesi è stato la spina nel fianco della Cancelliera criticando le politiche della Merkel sulla sicurezza, l’immigrazione, la famiglia e dovendo al contempo affrontare lo scandalo che ha coinvolto l’Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati (BAMF). A luglio di questo anno Seehofer aveva minacciato di dimettersi dal governo e dalla presidenza del suo partito, in contrasto con la Merkel, ma poi tutto questo si è scongiurato grazie alla diplomazia della Cancelliera e al partito della CSU che aveva respinto le dimissioni di Seehofer dal partito.

Ma cosa potrebbe accadere se realmente il governo Merkel cadesse? Un’alternativa potrebbe essere un allargamento del governo con Verdi e Fdp (anche se questo partito si è trovato spesso in contrasto con le posizioni della Cancelliera). L’altra alternativa potrebbe essere una rivoluzione all’interno della CDU dove la stessa Merkel potrebbe essere sostituita da un’altra figura a lei gradita. Queste ipotesi sono comunque remote perché le elezioni regionali sono ormai molto vicine, sono state fissate per il 14 ottobre e da sole potrebbero influenzare nuovamente e fortemente il paradigma politico tedesco.

di Riccardo Cecchini

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: