Congo: L’Unione Europea in prima linea nella lotta contro l’Ebola

Congo: L’Unione Europea in prima linea nella lotta contro l’Ebola

K metro 0 – Bruxelles – Il 1° agosto è stata dichiarata la decima epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo (Rdc), provincia del Nord Kivu, nella parte nord-orientale del paese. Finora le autorità sanitarie hanno già segnalato 74 casi e 34 decessi.  “L’UE continua a monitorare da vicino la nuova epidemia di Ebola nella

Condividi:

K metro 0 – Bruxelles – Il 1° agosto è stata dichiarata la decima epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo (Rdc), provincia del Nord Kivu, nella parte nord-orientale del paese. Finora le autorità sanitarie hanno già segnalato 74 casi e 34 decessi.  “L’UE continua a monitorare da vicino la nuova epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo, stiamo fornendo tutto il nostro supporto per aiutare a contenere il virus, i nostri esperti umanitari sono presenti nelle aree colpite e lavorano duramente e in concerto con altri soccorritori d’emergenza. Non possiamo e non saremo compiacenti di Ebola, non ci arrendiamo e continueremo a sostenere finché necessario”, ha affermato il Commissario europeo per gli aiuti, la gestione umanitaria e delle crisi, Christos Stylianides. Durante il fine settimana, il Commissario ha incontrato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità ha ribadito l’incrollabile sostegno dell’UE alla lotta congiunta contro l’Ebola. Entrambi hanno concordato di rimanere in contatto costante. Quando l’epidemia di Ebola è stata dichiarata nella provincia del Nord Kivu dal Ministero della Salute congolese il 1° agosto 2018, la Commissione europea ha mobilitato immediatamente gli aiuti di emergenza. Oltre all’invio di esperti umanitari dalla Commissione al paese, i servizi aerei umanitari di volo di ECHO hanno finora condotto otto voli trasportando personale, attrezzature mediche e attrezzature nella città di Beni nell’area colpita. di Ebola. Anche i Medici senza frontiere sono intervenuti nell’ambito del piano di risposta del Ministero della Salute del Paese. Durante la prima settimana di intervento, le équipe hanno allestito un’unità di trattamento nella città di Mangina, epicentro dell’epidemia, con 30 posti letto in tende di isolamento. Un’altra unità di isolamento è stata allestita a Beni, una città di 400.000 abitanti a 45 minuti di distanza.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: