UE imprese on-line meno burocrazia

UE imprese on-line meno burocrazia

K metro 0 – Aggiornato il diritto societario. La Commissione propone nuove regole per aiutare le aziende a spostarsi oltre confine. Da ora per le società europee sarà più facile fondersi, dividersi e muoversi all’interno del mercato unico. Le nuove regole garantiranno inoltre che i diritti dei dipendenti siano rispettati e che gli abusi fiscali

Condividi:

K metro 0 – Aggiornato il diritto societario. La Commissione propone nuove regole per aiutare le aziende a spostarsi oltre confine. Da ora per le società europee sarà più facile fondersi, dividersi e muoversi all’interno del mercato unico. Le nuove regole garantiranno inoltre che i diritti dei dipendenti siano rispettati e che gli abusi fiscali siano impediti. Le regole stimoleranno il potenziale di crescita delle aziende europee digitalizzando il processo di creazione e gestione di un’impresa. Il vicepresidente Frans Timmermans ha dichiara: “Nel nostro fiorente mercato unico dell’UE, le aziende hanno la libertà di muoversi e crescere, ma ciò deve avvenire nel modo giusto. La proposta odierna istituisce procedure trasparenti per le aziende, salvaguardando però i diritti dei lavoratori e, per la prima volta, si tenta di prevenire accordi manipolati miranti all’elusione fiscale e ad altri abusi “.

Vera Jourovà, commissario responsabile per la giustizia, per la difesa dei consumatori e la parità di genere, aggiunge: “Troppo spesso, alle aziende europee viene impedito di cercare opportunità commerciali all’estero, voglio cambiare questo e modernizzare le regole del diritto societario per le imprese in modo da ridurre i costi e i tempi burocratici .In secondo luogo, voglio offrire agli imprenditori onesti la scelta del luogo dove fare affari e di come far crescere o riorganizzare le loro attività “. In linea con la precedente sentenza della Corte di giustizia europea, le società potranno spostare la loro sede da uno Stato membro a un altro seguendo una procedura semplificata senza mettere a rischio i creditori ‘o gli interessi degli azionisti di minoranza. Se ciò dovesse accadere, il trasferimento può essere interrotto dallo Stato membro di partenza anche prima che il cambiamento di sede aziendale possa avere luogo.

Attualmente, le norme nazionali sono molto diverse tra gli Stati membri o impongono ostacoli amministrativi eccessivi. Ciò scoraggia le imprese dal perseguire nuove opportunità per timore di troppa burocrazia. Significa anche che quando le aziende si spostano, gli interessi dei dipendenti, dei creditori e degli azionisti di minoranza potrebbero essere a rischio. Le nuove regole fanno parte dell’impulso della Commissione per un mercato unico più equilibrato nonché segue la proposta della Commissione su un’Autorità europea del lavoro. Allo stesso tempo, le nuove regole consentiranno alle imprese di spostarsi o riorganizzarsi senza inutili complessità giuridiche e ad un costo inferiore in tutto il mercato unico. La Commissione stima un risparmio di costi per le aziende di 12.000 euro – 19.000 euro per operazione e un totale di 176 euro – 280 milioni di euro in 5 anni. Al momento, vi sono solo 17 Stati membri che forniscono una procedura completamente online per la registrazione delle società. In base alle nuove regole, in tutti gli Stati membri, le aziende potranno registrarsi, creare nuove filiali o file di documenti nel registro delle imprese online. Il passaggio al digitale rende più efficiente ed economico il processo di creazione di un’impresa.

La registrazione online richiede in media la metà del tempo e può essere fino a 3 volte più economica rispetto ai tradizionali formati basati su carta; i risparmi per la registrazione e il deposito online secondo le nuove regole sono stimati dai 42 – 84 milioni di EURO all’anno per le imprese dell’UE; il “principio una tantum”, incluso nella proposta odierna, sostituisce la necessità di presentare più volte le stesse informazioni a diverse autorità nel ciclo di vita di un’impresa, ulteriori informazioni sulle società saranno disponibili gratuitamente per tutte le parti interessate nei registri delle imprese.

Per prevenire frodi e abusi, le autorità nazionali potranno fare affidamento sulle reciproche informazioni sugli amministratori radiati. Se sospettano la frode, le autorità potranno comunque richiedere la presenza fisica dei proprietari delle società. Saranno anche in grado di richiedere il coinvolgimento di organismi, come i notai, nel processo. Nel maggio 2015, la Commissione presenta una strategia per il mercato unico digitale per far fronte alle sfide dell’economia digitale. In questa strategia, la Commissione si è impegnata a realizzare regole più semplici e meno onerose per le imprese. Ciò include la messa a disposizione di soluzioni digitali nel corso del ciclo di vita di un’azienda, in particolare in relazione alla loro registrazione e al deposito di documenti e informazioni aziendali. La Commissione ha inoltre annunciato che valuterà la necessità di aggiornare le norme sulle fusioni transnazionali e introdurre norme sulle divisioni. Infine, la Corte di giustizia europea sancisce la libertà di trasferimento aziendale transnazionale, nel rispetto però delle leggi degli stati coinvolti.

Condividi:

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Latest Posts

Pubblicità

Most Commented

Featured Videos

Che tempo fa

Rome
20°
Clear
WedThuFri
min 16°C
29/18°C
27/17°C

Newsletter


Condividi: